Cerca

Innamorata del carnefice

Ferita a calci dal fidanzato
lo perdona e ci torna insieme
Legale rinuncia al caso

La miss finita in ospedale con la milza spappolata mollata dal suo avvocato dopo le sue dichiarazioni choc

Rosaria Aprea

Rosaria Aprea

Rosaria Aprea mollata dal suo avvocato. Carmine Posillipo, legale della miss ventenne malmenata a suon di calci e pugni dal convivente Antonio Caliendo (27 anni) lo scorso 13 maggio, ha deciso di «rinunciare al caso in quanto le scelte dell’assistita collidono sia con la mia etica professionale sia con le strategia difensive assunte». Il riferimento è probabilmente ad alcune dichiarazioni che l’Aprea ha rilasciato il giorno in cui è stata dimessa dall’ospedale. In quella circostanza, infatti, la giovane avrebbe detto di essere pronta a tornare con il suo uomo perché innamorata e poiché lui non si è reso conto di quanto fatto. Insomma la Miss ha scusato, colui che solo qualche ora prima l’aveva massacrata di botte. Per questo ora auspica la sua liberazione. Caliendo è stato arrestato dalla Squadra Mobile di Caserta con l’accusa di lesioni di gravissime. Ma questo sembra ora non importare alla ragazza. Lei lo ama ed è pronta a perdonare questa «marachella». Ma l’avvocato Posillipo proprio non ci riesce a far finta di nulla. Una strada su cui improntare la difesa di questa ragazza l’avrebbe sicuramente trovata, ma forse dovendo addirittura remare contro di lei. E quelle parole non devono essergli andate giù, tanto da decidere di non seguire più il caso. Una scelta responsabile? Certamente legittima. La ragazza avrà diritto a un nuovo legale, ma la consapevolezza del gesto insano dell’uomo che ama prescinde da cavilli giudiziari e difese a spada tratta. L’amore è tutt’altro che violenza. E la storia della sedicenne calabrese ne è una prova ulteriore.

di Antonella Luppoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janses68

    29 Maggio 2013 - 16:04

    A certe donne la testa non funziona , ci dovrebbe pensare la legge a multare la stupidita' della Miss Scema. Obbligata a stare lontana dal suo ex, costo la galera in cella di isolamento. Il buon senso quando manca , va' instradato nelle menti fallci ,anche contro la loro volonta'. Un tempo l'avrebbero chiusa in un convento a vita. Sta' scema.... Prima o poi la troveremo assieme alla Tommasi a fare un' ennesimo squallido porno.

    Report

    Rispondi

  • francescos

    28 Maggio 2013 - 16:04

    Generazione di perversi,uomini o donne che siano.Uomini violenti che pestano mogli o bruciano fidanzate,da uomo di questi non saprei cosa farmene.Donne che si uccino con i figli,donne che gettano figli nello scarico del wc,donne che,a torto o ragione uccidono i mariti,di queste donne da uomo non saprei cosa farmene.Ma c'é una cosa che non capisco,perche qualcuno per ipocrito opportunismo politico poi denuncia che nelle carceri si sta male?E qualche,molti, giudici dopo pochi anni di carcere mettono in liberta i vari Pietro Maso o Erika de Nardo?Per non far torto a nessuno.Cari ipocriti,in galera ci si deve stare male,anzi malissimo,specie per questi reati,non hanno rubato una mela,non é una vacanza o un giro di riposo al gioco dell'oca.Chi commette certi reati non sara recuperabile per la societa,che sconti la sua pena e cerchi il perdono di DIO,ma dal carcere.Questa sarebbe la vera giustizia,diversamente si fa torto alle vittima due volte.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    28 Maggio 2013 - 15:03

    se questa sciocca verrà ammazzata non ce lo dite perchè mi istighereste a dire: se l'è cercata!

    Report

    Rispondi

  • mark51

    28 Maggio 2013 - 13:01

    ma penso che questa sia stata minacciata "se non fai ritirare la denuncia a carico del ragazzo poi ne prenderai il doppio " non puo essere cosi cretina per fino gli animali trattati male si rivoltano,pero a volte gli animali sono piu intellegenti degli umani

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog