Cerca

La sentenza della discordia

Sentenza Cucchi, Cancellieri: "Solidarietà ai familiari, dolore non lenito". Manconi: "Giovanardi, taci"

La condanna dei medici ma non degli agenti penitenziari per la morte del giovane nel 2009 fa discutere. Ministro "superpartes", Pd e Pdl polemici

Stefano Cucchi

Stefano Cucchi

Dolore e polemiche, anche politiche. Il giorno dopo la sentenza della terza corte d'assise di Roma sulla morte di Stefano Cucchi, con la condanna dei medici e l'assoluzione di infermieri e agenti penitenziari, il clima è ancora tesissimo. Per questo il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri ha commentato la vicenda da una posizione di "donna delle istituzioni", evitando di "entrare nei giudizi dell'operato della magistratura". Il terreno è minato, da una parte (quella dei giudici) e dall'altra (la famiglia di Cucchi, che grida allo scandalo e al "fallimento della giustizia"): "Posso solo esprimere una grandissima solidarietà, questo sì. Sono consapevole che quel dolore è un dolore che nessuno ha lenito", le parole misuratissime della Cancellieri.



Mercoledì sera, dopo la sentenza, il senatore Pdl Carlo Giovanardi aveva esultato: "Il tempo è galantuomo e ha fatto giustizia di pregiudiziali ideologiche, enfatizzate dai media, che attribuivano responsabilità agli agenti di custodia per un pestaggio mai avvenuto". "Purtroppo, come ho detto fin dall'inizio, le problematiche del povero Stefano Cucchi avrebbero dovuto trovare maggiore attenzione da parte di chi era tenuto a contrastare la sua presunta volontà di non volersi né nutrire né curare". "Giovanardi ha perso, per l'ennesima volta, una buona occasione per stare zitto - l'ha attaccato il senatore del Pd Luigi Manconi, da tempo al fianco della famiglia Cucchi nella loro battaglia legale -. Il tribunale non ha detto affatto che il pestaggio di Stefano Cucchi, nelle celle del Palazzo di Giustizia, non sia mai avvenuto. Ha detto, invece, che Stefano Cucchi è stato sì picchiato, ha subito lesioni e violenze, ma la Procura non è stata in grado di esibire prove sufficienti per individuare i responsabili. Ma la sentenza è grave per altri motivi ancora: in particolare perché riduce una tragica vicenda di un giovane uomo passato attraverso 11 istituzioni dello Stato, tra caserme e celle, ad un ordinario caso di malasanità".

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • elea6001

    01 Novembre 2014 - 14:02

    giovanardi chi ? quello che parla grazie ad un impianto nel cranio di un vecchio magnetofono Voxon, al posto del cervello ?

    Report

    Rispondi

  • giovanni.amodei

    31 Ottobre 2014 - 19:07

    Manconi non era di quelli che diceva che le sentenze non si discutono?

    Report

    Rispondi

  • sentinella f

    07 Giugno 2013 - 22:10

    dovrebbero essere bastonati già dai cittadini che li vedono senza disturbare le forze armate

    Report

    Rispondi

    • elea6001

      01 Novembre 2014 - 14:02

      mi auguro di tutto cuore che capiti a lei di essere bastonato dalle forze dell'ordine senza avere alcuna colpa, ma di restare soltanto paralegico, così avrà tutto il tempo per perderdonarle.

      Report

      Rispondi

  • ubik

    07 Giugno 2013 - 12:12

    solidarietà alla famiglia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog