Cerca

(in)certezza della pena

Libertà anticipata e sconti di pena
Col decreto carceri liberi 4mila detenuti

Il provvedimento, che si compone di sei articoli, accrescerà anche i casi di lavori di pubblica utilità, soprattutto per i tossicodipendenti

Le carceri italiane scoppiano. Una litania che sentiamo da decenni e al quale lo Stato risponde da decenni con interventi-tampone. L'ultimo in ordine di tempo era stato l'indulto e abbiamo visto, a distanza di poco tempo, che utilità (nessuna) abbia avuto. In quel caso (2006) la popolazione carceraria era scesa da 59.000 persone circa a 39.000, per poi risalire sopra quota 60.000 in meno di tre anni. Ora sta arrivando il decreto carceri, che nella sua versione più aggiornata si compone di sei articoli. E i cui punti-chiave saranno uno sconto pena maggiore per liberazione anticipata da 45 a 60 giorni per ogni semestre di pena scontata; la liberazione anticipata per chi in custodia cautelare ha una pena residua non oltre i 3 anni; lavoro di pubblica utilita' per i tossicodipendenti. Misure che, secondo alcune stime, dovrebbero ridurre la popolazione carceraria di 3.500-4.000 persone (su un totale di poco più di 66.000 al 31 dicembre 2012). Tradotto: 3.500-4.000 delinquenti in più per strada o detenuti in modo alternativo al carcere.

Una delle misure chiave riguarda lo sconto di pena ai fini della liberazione anticipata per i detenuti che danno prova di partecipare all'opera di rieducazione: una detrazione che sale da 45 a 60 giorni per ogni semestre di pena scontato. Tra le altre novita', si prevede che quando la pena residua da espiare non superi i 3 anni, o i 6 per i reati commessi da tossicodipendenti, il pm "trasmette gli atti al magistrato di sorveglianza" perche' provveda alla riduzione della pena. Inoltre, scatta la possibilita' di sospendere l'esecuzione della pena nei casi di detenzione domiciliare in cui la pena non superi i 4 anni. Viene ampliata la possibilita' di estendere l'assegnazione di detenuti ad attivita' in favore della collettivita', prevedendo che specifiche categorie di detenuti non pericolosi "possono essere assegnati a titolo volontario all'esecuzione di progetti di pubblica utilita". E si allargano le ipotesi di lavoro di pubblica utilita' prevista per detenuti tossicodipendenti, ad eccezione di coloro condannati per i reati piu' gravi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fdrebin

    14 Giugno 2013 - 12:12

    SVEGLIA!

    Report

    Rispondi

  • iuchi

    13 Giugno 2013 - 15:03

    I detenuti devono lavorare in carcere e devono imparare un mestiere fino a quando sono in carcere. Lagli fare la manutenzione ai mezzi di stato e dei vari comuni, come auto, treni, Bus, metropolitane, verniciare le carrozze sfregiate dai Raider che le imbrattano ogni giorno. Questo bisogna inculcarlo al detenuto che deve lavorare per mangiare ed essere accudito in carcere. Anche loro starebbero meglio perché il tempo passerebbe più veloce e sopratutto con utilità, in modo che quando escono sanno cosa fare al posto di delinquere nuovamente. Insegnare il lavoro è l'unica cosa buona che si possa insegnare ad un detenuto per reati comuni come spacciatori, ladri, truffatori, evasori fiscali e altri reati del genere. Io gli farei lavorare anche i campi per dare il prodotto ai pensionati con pensione minima. Pure questo sarebbe un aiuto a costo ZERO!!!

    Report

    Rispondi

  • iuchi

    13 Giugno 2013 - 15:03

    Non avendo una dimora fissa, o gliela diamo, o saranno tutti liberi di andare dove vogliono nonostante le condanne!! Complimenti!! Viva la libertà dei detenuti. Ora delinquere diventa un affare se daranno loro un domicilio ove scontare le pene. Quasi quasi ci faccio un pensiero visti che ho perso il lavoro e mi porteranno via la casa molto presto!!

    Report

    Rispondi

  • capcap

    13 Giugno 2013 - 10:10

    Io sono più fortunato di te perché non sono mai stato "beccato" con tasso alto anche se a volte lo ero ma sono anche cresciuto al grido di "chi sbaglia paga" Concordo però con te che la pena per il tuo reato si eccessiva meglio la confisca della macchina o una multa molto salata.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog