Cerca

L'escort col funzionario

Firenze, scandalo escort: sesso nella sala conferenze

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Emergono nuovi particolari sul bunga bunga fiorentino che sta facendo tremare la Firenze bene, nonostante il basso profilo riservato alla notizia da gran parte della stampa. A parlare con i pm, ora, è Adriana, l'escort rumena dal cui telefono pende mezza Firenze, la più ambita nel giro di prostituzione messo su dai fratelli Taddei dell'hotel Meditarraneo, ma che coinvolge politici, stimabili professionisti e donne della città alla ricerca di guadagni facili per arrotondare.

Quel rapporto focoso - La bella Adriana, tra le altre cose, racconta del focoso rapporto con un funzionario del Comune fiorentino, con cui avrebbe consumato persino nella sala conferenze di un assessorato. L'inchiesta, però, sfiora anche l'assessore del Comune Massimiliano Mattei, che si è dimesso nei giorni scorsi per motivi di salute. La ragazza è stata infatti assunta come dipendente dalla cooperativa "Il Borro" quando l'ormai ex-assessore ne era presidente. Si occupava di cure domiciliari, pare, e nessuno sapeva - dicono oggi dalla coop - che avesse una seconda vita, che facesse l'escort. 

E quell'appartamento... - Adriana è stata aiutata dalla cooperativa anche in altro modo: nel 2011, la escort avrebbe vissuto in un appartamento che rientrava nella dipsonibilità della coop. Nello stesso anno, per un periodo, lo stesso appartamento era stato preso in affitto proprio dal dimissionario Mattei. Ma c'è di più. Stando a quanto risulta ai pm, è proprio in quell'appartamento che Adriana si prostituiva. Ora sono in molti a Firenze a seguire con una certa apprensione la vicenda, temendo le ripercussioni delle sue rivelazioni. Renzi, dal canto suo, ha già fatto sapere di essere parte lesa. Le rivelazioni della ragazza, però, si annuciano scottanti. E la vicenda, se queste sono le premesse, potrebbe avere conseguenze sulla politica locale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • insorgi

    20 Giugno 2013 - 20:08

    Per l’occasione distribuiscono preservativi colorati di tutti i formati. Rigati con escrescenze al cetriolo, zigrinati a spirale,anatomici con spalliera auto vibrante e per i più esigenti, a punta di carciofo. Tutti firmati dalle cooperative riunite, con dicitura per i clienti più onorevoli: Con Coop compri bene e godi meglio.

    Report

    Rispondi

  • igna08

    19 Giugno 2013 - 10:10

    Ma come, i SINISTRI si ritenevano CASTI e PURI, CASA e FAMIGLIA e ora si scopre che anche loro si sevono delle ESCORT ? Non ci posso credere...

    Report

    Rispondi

  • honhil

    19 Giugno 2013 - 08:08

    Da adesso in poi gli italiani in difficoltà sanno a chi rivolgersi. Con la benedizione anche di quel pm che, cuore d’oro, può sempre testimoniare sulla fulgida bontà di quella brava gente. Niente perciò sborrate, al "Borro", ma soltanto una sana assistenza morale.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    19 Giugno 2013 - 08:08

    Berlusconi era singolo e separato ma questi sinistri pigliano stipendioni pubblici e addirittura pagano le donnine coi soldi della gente? invredibile, cose da pazzi. da pazzi? e certo: una cosa e' trombare coi soldi tuoi e una cosa diversa e' trombare coi soldi della gente e poi fare i moralisti additando Berlusconi. Schifosi ipocriti che ci costate un visibilio e poi fate queste figure di mmer$a.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog