Cerca

Corte d'assise di Brindisi

Giustizia è fatta: ergastolo
all'assassino di Melissa Bassi

Carcere a vita per Giovanni Vantaggiato, che il 19 maggio 2012 fece esplodere una bomba fuori dalla scuola "Morvillo-Falcone", uccidendo la 16enne e ferendo altre 9 persone

Giustizia è fatta: ergastolo
all'assassino di Melissa Bassi

E' passato poco più di un anno da quella tremenda, incredibile mattina del 19 maggio 2012 fuori dalla scuola "Morvillo-Falcone" di Brindisi. Quando una bomba esplose uccidendo la sedicenne Melissa Bassi e ferendo altre nove persone tra compagne di scuola e passanti. Nelle prime ore dopo l'attentato si pensò alla mafia, ma poi la verità apparve, se possibile, ancora più atroce. Aveva fatto tutto un uomo solo, Giovanni Vantaggiato. Che oggi la corte di assise di Brindisi ha condannato alla pena dell'ergastolo. In aula, al momento della lettura della sentenza, c'erano i due genitori di Melissa: la mamma Rita Muri e il papà Massimo Bassi. Presenti anche alcune delle ragazze che rimasero ferite, due delle quali indossano magliette bianche con la foto di Melissa sul davanti e il loro nome sulla schiena. al momento della lettura della sentenza, le ragazze si sono abbracciate, prima di sciogliersi in un pianto liberatorio. ''Da domani voglio tornare a essere una studentessa normale, come tutte le altre'' ha detto Sabrina Ribezzi, una delle studentesse ferite nell'attentato davanti alla scuola. Domattina, infatti, insieme con Vanessa Capodieci - un'altra delle ragazze gravemente ferite nella strage in cui perse la vita Melissa Bassi - sarà tra i banchi di scuola per la maturità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Roulen

    19 Giugno 2013 - 08:08

    beh, troppo poco.

    Report

    Rispondi

  • beatles14

    19 Giugno 2013 - 00:12

    così non sarebbe uscito, come avverrà tra breve, per le stronzate dei buonisti pannelliani.

    Report

    Rispondi

  • rover600

    18 Giugno 2013 - 22:10

    sulla carta ok ma sui fatti ci credo poco !! questo tra meno di 20 anni sta FUORI !! QUINDI IO NON CANTO vittoria ! in un paese dove la giustizia funziona questo soggetto VENIVA GIUSTIZIATO !!!

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    18 Giugno 2013 - 22:10

    Cari genitori, Melissa non ve la può rendere più nessuno. Lei riempirà sempre il vostro cuore con il suo giovane sorriso. Poco importa se l'assassino finirà la sua esistenza in galera. Purtroppo la vita spesso ci regala drammi che si possono superare solo con la fede. Vi abbraccio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog