Cerca

Con i ribelli

Come Delnevo altri cinquanta italiani
In Siria per combattere contro Assad

Giuliano Delnevo

Giuliano Delnevo

«Dio mi ha guidato su questa strada», diceva Giuliano Ibrahim Delnevo, riferendosi alla sua conversione all’islam, avvenuta nel 2008. Chi invece lo abbia condotto in Siria, sul sentiero del jihad e della morte sulla via di Allah, invece, è l’incontro con entità molto più terrene. Da principio, il 23enne genovese aveva incrociato la branca locale dei Fratelli Musulmani. La sua professione di fede l’aveva fatta ad Ancona, la città in cui vive l’ex presidente dell’Ucoii Mohamed Nour Dachan. Ma non erano l’organizzazione che faceva per lui. Perfino i siriani come Dachan, ora membro del Syrian National Council, sembrano limitarsi alla propaganda, all’assistenza umanitaria e a chiedere l’appoggio della Farnesina alla rivolta anti-Assad.

Stare ad attendere in preghiera l’avvento della sharia, tentando la strategia dell’islamizzazione dal basso, delle relazioni istituzionali con gli “infedeli”, avrebbe fatto invecchiare senza gloria e senza onore quel giovane letteralmente folgorato sulla via di Damasco.

Lui bruciava dallo zelo. Nel giro di un anno li aveva abbandonati per cercare il paradiso dei martiri. Era partito per il Marocco, dove potrebbe essere stato reclutato attraverso il contatto con il network jihadista Sharia4, una rete internazionale che forma alla predicazione di strada anche attraverso internet. Il loro referente in Italia è considerato un marocchino di 21 anni, arrestato a Brescia dalla Digos la settimana scorsa perché sospettato di addestramento con finalità di terrorismo internazionale e di incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali, etnici e religiosi. È la stessa pista che stavano seguendo dal novembre 2009 due magistrati genovesi, il pm Silvio Franz e l’aggiunto Nicola Piacente, che si erano concentrati su un gruppo di italiani e nordafricani formato da altre tre persone. Il procuratore di Genova, Michele Di Lecce, esclude che vi siano collegamenti con altre procure nell’inchiesta, ma il fenomeno degli italiani convertiti  all’islam che intraprendono un percorso di radicalizzazione è da tempo sotto la lente dell’intelligence. Sarebbero coinvolte alcune decine di persone, fra le quali gli indagati in due diverse operazioni antiterrorismo, avviate l’anno scorso a Cagliari e a Brescia. Si tratta in genere di convertiti che fanno propaganda sul web e si mantengono in contatto con ultrafondamentalisti come i circoli deobandi, costituiti da pakistani. Si va per tentativi, ma potrebbe essere quello il percorso seguito da coloro che decidono di passare all’azione unendosi a gruppi armati dopo un periodo di addestramento.

In parte, hanno raggiunto il plotone di 45-50 jihadisti partiti dall’Italia, soprattutto dal centro-Nord, ma anche da Roma per combattere con i ribelli in Siria, secondo le informazioni fornite dalla Comunità del Mondo arabo in Italia: gli «italiani» si troverebbero soprattutto nel Nord della Siria e tra questi ci sarebbe anche una donna. Anche fonti siriane in Italia confermano quanto spiegato dal presidente della Comai, Foad Aodi, per il quale in Siria questi gruppi sarebbero concentrati «in gran parte nella zona di Dayr az Zor e Aleppo» dove, tra gli altri, si troverebbero anche «tre donne, un’italiana, una spagnola e probabilmente una cecena», come ausiliarie dedicate a prestare  assistenza ai ribelli.

Quanto a Delnevo, era andato in Cecenia, dove «conobbe un gruppo di guerriglieri e decise di passare all’azione», rivela il suo amico Umberto Marcozzi all’Huffington Post. Poi si era inventato la copertura di una missione umanitaria in Turchia, ma in moschea sapevano che in realtà era finito a combattere in prima linea in territorio siriano. Come fosse riuscito a conquistarsi la fiducia di un gruppo di assassini come Jabhat Al Nusra, cioè la filiale locale di Al Qaeda, peraltro rimane ancora un mistero. Centinaia di libici, sauditi, tunisini, egiziani, giordani, libanesi e iracheni attendono impazienti di essere reclutati e mandati al fronte. Tutti in qualche modo arabofoni e addestrati come si conviene. Tanto che i turchi, che non parlano arabo come madrelingua, rappresentano soltanto l’1% dei caduti in battaglia nelle file della resistenza anti-Assad, spiega uno studio approfondito sulla «Carovana di martiri nel Levante», pubblicato dagli esperti di terrorismo Aaron Y. Zelin, Evan F. Kohlmann e Laith al-Khouri.

Con la prima vittima italiana, ora, arriva un segnale nuovo sull’esistenza di un network occidentale ben accreditato, un canale che dall’Italia esporta il terrorismo in uno Stato estero. Ma che potrebbe altrettanto facilmente intraprendere il viaggio di ritorno e importarlo dalla Siria in Italia, non appena se ne presentassero le condizioni e le opportunità.

di Andrea Morigi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mark51

    19 Giugno 2013 - 18:06

    meglio 50 deficenti in meno in italia perche non si prendono appresso a combattere tutti i fratelli mussulmani residenti in italia cosi ce li togliamo dai piedi cosi evitiamo che in futuro ci mettano le bombe sotto il sedere

    Report

    Rispondi

  • plinio72

    19 Giugno 2013 - 18:06

    meglio un figlio comunista o berlusconiano che mussulmano

    Report

    Rispondi

  • allianz

    19 Giugno 2013 - 17:05

    Se,come penso lei sia,quel signore che postava su Virgilio,allora Benvenuto nel forum di LIBERO.I suoi post sono sempre interessanti.Mi fa piacere che abbia lasciato quel lercio forum di accattoni senza palle.Quello non era il suo posto ove scrivere,ma mi fa piacere sopratutto che ha mandato a fan***lo quel signore che porta il contenitore pieno di mink**te,apprese in sezione,in giro per separare le orecchie.Quello più che aprire bocca per emettere rumori molesti ed odori assai poco gradevoli non sa fare.Nuovamente benvenuto.

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    19 Giugno 2013 - 16:04

    meglio un figlio musulmano che berlusconiano; meglio terrorista che bananas.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog