Cerca

Pubbliche scuse

Miccoli in lacrime: "Mi scuso con la famiglia Falcone"

Il calciatore: "Mi scuso per le offese a Falcone. Ho chiamato anche la sorella". Che però smentisce...

Fabrizio Miccoli

Fabrizio Miccoli

Trattiene a stento le lacrime, Fabrizio Miccoli, mentre si scusa pubblicamente di fronte alla città di Palermo e alla sorella del giudice Falcone, Maria. Le scuse arrivano perché durante le indagini per l'accusa di estorsione e accesso abusivo a sistema informatico in cui il calciatore è rimasto coinvolto, sono emerse intercettazioni in cui il bomber palermitano offendeva Giovanni Falcone, giudice ucciso dal tritolo di Cosa Nostra ("Quel fango di Falcone" la frase più pesante).

Le scuse - "Per me è un giorno importante - esordisce Miccoli -, dopo tutto quello che è successo non riesco a dormire la notte perché sono uscite delle cose che io non penso assolutamente e l'ho dimostrato anche con i fatti. L'ho dimostrato scendendo in campo per il 20esimo anno dalla morte di Falcone. Sono qui per chiedere scusa alla città di Palermo, alla mia famiglia che mi ha fatto crescere in un contesto di valori e di rispetto. Sono un padre famiglia - dice tra le lacrime - e voglio crescere i mie figli nella legalità. Sono un calciatore e non sono mafioso." 

"Non mi ha chiamato" - Aggiunge poi di aver parlato al telefono con Maria Falcone e di essersi proposto come testimone per azioni di legalità. Ma la risposta della signora Falcone, impegnata in una conferenza a Parigi, è secca: "Non è vero che Fabrizio Miccoli ha parlato con me. E non deve chiedere scusa a me, ma a Giovanni, ai siciliani e ai tanti tifosi che hanno creduto in lui". Intanto nel pomeriggio un gruppo di cittadini e tifosi deporrà una maglia del Palermo davanti all'Albero Falcone, in via Notarbartolo. Un gesto per prendere le distanze e ristabilire la posizione di tanti tifosi e cittadini che si dicono lontani dalle gravi parole dell'ex capitano rosanero.

Il futuro - Dopo l'interrogatorio in procura durato cinque ore, che si è tenuto ieri, mercoledì 26 giugno, Miccoli si dice tranquillo. Non fa parola della presunta amicizia con Mauro Lauricella (figlio del boss della Kalsa) perché "ci sono delle indagini in corso coperte dal segreto istruttorio", precisa l'avvocato Francesco Calandro. L'ex bomber del Palermo smentisce però di aver partecipato a feste con presunti mafiosi: "In sei anni a Palermo sono stato tre volte in discoteca. Ho sempre vissuto tra allenamenti e famiglia, non sono mai stato a feste private. Andavo a cena al ristorante come una persona normale, andavo a pesca e caccia anche con ispettori di polizia e agenti della Digos, ma mai senza secondi fini". Il futuro è ancora incerto per il calciatore: "La mia preferenza ce l'ho e vorrei tenerla per me. Vediamo ciò che succede - afferma - Ho sentito il presidente del Palermo Zamparini. L'ho chiamato io. Lui mi conosce. Forse avremmo dovuto parlare di più".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mark70

    28 Giugno 2013 - 10:10

    Ieri ho visto in tv la dichiarazione e i pianti assurdi di questa persona.... una scena squallida e senza senso...Miccoli, quando si parla il cervello deve essere collegato! e ora paga le conseguenze! Giovanni Falcone sarà sempre nel cuore delle persone oneste...come non ricordare una persona così!

    Report

    Rispondi

  • rendagio

    28 Giugno 2013 - 08:08

    portere un tatuaggio di un simile delinquentè politico è la dimostrazione di ciò che uno è e pensa, non per sembrare di parte ma sarebbe bene che ci si documentasse quella che è stata la vera storia del CHE', arrogante , despota , assasino, idealista stalinista, molti innocent che non la pensavano come lui sono finite male ,vedi centro America ed Angola..

    Report

    Rispondi

  • rendagio

    28 Giugno 2013 - 08:08

    Cara Gianna Lorella... condivido il fatto della libertà di parola ma detta tra certa gente , non è molto intelligente. Chi si si esprime in questo modo in private si comporta in tal modo in pubblico e di delinqunza mafiosa cè nè molta.Chi vive nel pubblico ha ildovere di dare buoni esempi , se per lei questi sono buoni esempoie o felici espressioni , complimenti. spero che il pubblico quello sano sappia giudicarlo per quello che è e che pensa,

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    27 Giugno 2013 - 21:09

    ma c'è qualcuno che gli crede?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog