Cerca

Criminalità o terrorismo?

Sullo scooter con un libro-bomba
Arrestati due trentenni romani

Fuggiti a un posto di blocco su via Casilina i due sono stati trovati in possesso di coltelli e componenti armi da guerra

Sullo scooter con un libro-bomba
Arrestati due trentenni romani

Due romani, di 31 e 36 anni, sono stati arrestati nella Capitale mentre giravano con dell'esplosivo nascosto all'interno di un libro. La polizia del reparto prevenzioni crimine li ha fermati dopo che i due avevano cercato di sfuggire con il loro scooter a un posto di blocco su via Casilina. Una volta acciuffati, dopo una rocambolesca fuga, gli agenti hanno scoperto l'ordigno ancora inefficace perché privo di sostanza detonante. Non solo. A bordo dello scooter trasportavano anche un borsone carico di coltelli, taglierini, componenti di armi da guerra, inneschi e finte bombe a mano. I due romani arrestati dovranno rispondere del reato di detenzione di parti di arma da guerra. Nelle loro abitazioni, gli agenti hanno anche trovato una pianta di marijuana. Ora le Forze dell'Ordine stanno cercando di capire se il libro-bomba era destinato a una rapina o a un attentato. Non sono direttamente legati ad ambienti terroristici i due romani arrestati oggi dalla Polizia nella Capitale mentre trasportavano, a bordo di uno scooter, armi e un ordigno nascosto in un libro. Gli investigatori stanno vagliando tutte le ipotesi e non escludono che possa trattarsi di 'corrieri' per il trasporto di armi. Il 31enne arrestato era noto in ambienti ultrà ed era stato sottoposto a Daspo, il 36enne ha alcuni precedenti per furto. L'ordigno era nascosto all'interno di una guida turistica del Touring club.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog