Cerca

La sentenza

Province salvate dalla Corte Costituzionale

La Corte di cassazione

La Corte Costituzionale ha bocciato l'unica cosa buona che aveva fatto il governo Monti: il taglio e il riassetto delle Province. La Corte ha infatti dichiarato l'illegittimità costituzionale del taglio e del riassetto delle Province contenute nel decreto Salva Italia. La motivazione è squisitamente tecnica: la materia non è da disciplinare con un decreto legge. Le Province infatti sono enti previsti dalla Costituzione (che ha più di sessant'anni)  quindi, non si possono cancellare con un decreto legge. Una decisione tecnicamente corretta, ineccepibile che tuttavia, ancora una volta, mette il freno al nostro Paese. Come sottolinea Sergio Rizzo sul Corriere della Sera bisogna ricordare il contesto in cui il decreto Salva Italia vide la luce. C'era da salvare il Paese, c'era il governo tecnico, c'era la necessità "di prendere in poche ore provvedimenti in grado di placaere i mercati resi pazzi dalle furiose spallate della speculazione internazinale". Quelle misure erano urgenti. 

Condannati all'immobilismo -  La sentenza della Corte Costituzionale è l'ulteriore conferma, se mai ce ne fosse stato bisogno, che questo nostro Paese è destinato alla paralisi. Ogni decisione, ogni possibilità di cambiamento, è destinata a finire sotto la tagliola della Corte Costituzionale, del Tar o del Consiglio di Stato. Capita per decisioni importanti come il talgio delle Province ma anche per la vendita di un immobile dell'Inps. Nello stesso giorno in cui ha salvato le Province ha dato ragione alla Fiom contro la Fiat. La Consulta ha dichiarato illegittimo l'articolo 19 della Costituzione nella parte che consente la rappresentanza sindacale aziendale ai soli sindacati firmatari del contratto applicato nell'unità produttiva. In pratica, i metalmeccanici della Cgil dovranno essere reintegrati: erano stati "tagliati" a seguito dell'uscita di Fiat da Confindustria e della successiva firma del contratto specifico per l'auto. Recentemente, infine, la Consulta si è pronunciata contro il taglio del dieci per cento degli stipendi dei magistrati  perché ledeva l'indipendenza dei giudici. Ma così il Paese non esce dalle sabbie mobili in cui è finito. E' destinato all'immobilismo se ogni volta che cerca di liberarsi di anacronismi, storture si scontra con il veto degli alti magistrati.  

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cassandradixit

    05 Luglio 2013 - 17:05

    Dai nostri politici, e da tutti i giornali, si sente parlare di seconda repubblica, o addirittura di terza repubblica. La Francia, quando De Gaulle andò al potere, cambiò la costituzione e fece la seconda repubblica. Diventò una repubblica presidenziale e le sorti della Francia cambiarono in meglio in pochissimo tempo. Perchè noi non possiamo fare altrettanto?

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    05 Luglio 2013 - 15:03

    Certo che ci vorrebbe la rivoluzione, ma se non incominciamo noi a muoverci e prendere la palla in mano, con chi cazzo speriamo di farla, con le forze di polizia, coi carabinieri ed esercito che sono i loro protettori e sono corrotti e mangiano a quattro ganasce...? Con chi cazzo la facciamo con quei quattro stronzi di Grillo e Casaleggio che con le loro titubanze e temporeggiamenti, stanno naufragando nella merda...? Dovremmo incominciare noi a suonare il tam tam e scendere in piazza di brutto ed incominciare a contarci e chi siamo.....! Dovremmo pur vedere per chi bisognerà battersi, mi sembra logico no....? Io sono pronto ed incazzato al punto giusto, come la pastasciutta: al dente....e quando volete, iniziamo il battuto.....!

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    05 Luglio 2013 - 15:03

    Certo che ci vorrebbe la rivoluzione, ma se non incominciamo noi a muoverci e prendere la palla in mano, con chi cazzo speriamo di farla, con le forze di polizia, coi carabinieri ed esercito che sono i loro protettori e sono corrotti e mangiano a quattro ganasce...? Con chi cazzo la facciamo con quei quattro stronzi di Grillo e Casaleggio che con le loro titubanze e temporeggiamenti, stanno naufragando nella merda...? Dovremmo incominciare noi a suonare il tam tam e scendere in piazza di brutto ed incominciare a contarci e chi siamo.....! Dovremmo pur vedere per chi bisognerà battersi, mi sembra logico no....? Io sono pronto ed incazzato al punto giusto, come la pastasciutta: al dente....e quando volete, iniziamo il battuto.....!

    Report

    Rispondi

  • encol

    05 Luglio 2013 - 08:08

    L'Egitto e gli egiziani insegnano che se il popolo vuole non ci sono "parrucconi" ne "Costituzione" che tenga. Meditate popolo!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog