Cerca

Parole grosse

Occhio alle imprecazioni:
"Italia, paese di m... è vilipendio"

La Cassazione ha giudicato colpevole un uomo che ha pronunciato la frase davanti ai carabinieri

Occhio alle imprecazioni:
"Italia, paese di m... è vilipendio"

Compie reato di vilipendio alla nazione chi si lascia scappare frasi del tipo "Italia paese di m....". La Cassazione ha per questo confermato la condanna inflitta a un 71enne, il quale, fermato dai carabinieri perchè viaggiava su un’auto con un solo faro acceso, si era lasciato andare ad invettive quali "in questo schifo di Italia di m....",  contestando la contravvenzione che gli stava per essere elevata. La Corte d’appello di Campobasso lo aveva condannato a pagare una multa di mille euro, pena interamente coperta da indulto, sentenza confermata dai giudici della prima sezione penale di 'Palazzaccio'.

La motivazione della sentenza - "Il diritto di manifestare il proprio pensiero in qualsiasi modo - si legge nella sentenza depositata oggi - non può trascendere in offese grossolane e brutali prive di alcuna correlazione con una critica obiettiva": per integrare il reato, previsto dall’articolo 291 del codice penale, "è sufficiente una manifestazione generica di vilipendio alla nazione, da intendersi come comunità avente la stessa origine territoriale, storia, lingua e cultura, effettuata pubblicamente". Il reato in esame, spiega la Suprema Corte, "non consiste in atti di ostilità o di violenza o in manifestazioni di odio: basta l’offesa alla nazione, cioè un’espressione di ingiuria o di disprezzo che leda il prestigio o l’onore della collettività nazionale, a prescindere dai vari sentimenti nutriti dall’autore". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pierfabro

    05 Luglio 2013 - 15:03

    l'italia è un paese di...... o piove governo ....., sono due espressioni dello stesso valore morale, il problema che forse chi ha colpito l'anziano 71 ha sbrasato perchè riteneva le parole rivolte a lui, il giudice poi ..... forse l'anziano vedendo le condizioni in cui si trova purtroppo l'italia dove gli "onorevoli" amministrano con molta allegria i nostri soldi facendosi rimborsare giocattoli e tinte per capelli ha avuto un momento di rabbia nel vedersi multare per un fanale rotto!

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    04 Luglio 2013 - 17:05

    oltre ai governi e' ladro anche lo stato

    Report

    Rispondi

  • itas50

    04 Luglio 2013 - 17:05

    rabbia si lascia andare ad invettive, viene condannato a pagare una multa di 1000 euro, mentre chi nella realtà di tutti i giorni rende sempre più credibile che l' Italia sia ciò che il settantunenne ha affermato,.....o è in politica o in qualche istituzione prestigiosa del nostro paese. L'Italia non è un paese di M...... , il concetto espresso, è ancora troppo buonista !!

    Report

    Rispondi

  • allianz

    04 Luglio 2013 - 17:05

    colui che impreca in quanto indotto da uno stato di prostrazione tale da essere arrabbiato,deluso,o comunque in uno stato alterato del pensiero dovuto alla situazione sociale venutasi a creare ed esaltata dallo stato di crisi che dira'la Cassazione?Ci arresteranno tutti?

    Report

    Rispondi

blog