Cerca

Furti e web

Furti in casa, da fecebook allo zerbino
I consigli per tener lontani i ladri

I consigli di un capitano dei carabinieri: non scrivete informazioni sulla vostra partenza sui social network

Un topo d'appartamento alle prese con la serratura di una porta

La parola d'ordine è riservatezza. Resistere dalla tentazione di scrivere su facebook la data di partenza per le vacanze e quella del ritorno. I ladri d'appartamento sono più che attivi da un punto di vista telematico e così, grazie al meccanismo delle "condivisioni" potrebbero venire facilmente a conoscenza dei vostri spostamenti.A lanciare l'avvertimento è dalle pagine del settimanale Gente è il capitano dei carabinieri Massimo Pesa, comandante della compagnia dei Parioli (il quartiere benestante di Roma che, con l'arrivo dell'estate registra il record dei furti). "Evitate di lasciare messaggi in segreteria e di parlare in pubblico. Evitate di far accumulare la posta nelle cassette delle lettere, chiedete al postino o a un vicino di ritirarla per voi. Non mettete il vostro nome e cognome sul contatore: staccando la luce, i ladri possono disattivare i sistemi di allarme. Basta lasciare il codice identificativo dell'operatore", consiglia il militare. Inoltre, non bisogna mai sentirsi sicuri solo perché si è deciso di installare un sistema di sicurezza: bisogna controllare periodicamente il funzionamento degli allarmi elettronici, sensori e webcam. 

 

Attenti allo zerbino -  Ricordatevi di non far rimuovere dall'addetto alla pulizia del vostro stabile lo zerbino dal vostro appartamento: è un segnale della vostra assenza. Il capitano Pesa consiglia inoltre di seguire altre "banali raccomandazioni": "Molti si dimenticano di dare la classica doppia mandata di chiusura alla porta, per aprirla ai topi d'appartamento basta inserire una sottile lastra di plastica che fa da leva tra le due ante e, a quel punto, anche la porta blindata può rivelarsi inutile". Un altro consiglio è quello di non rendere facile la vita ai ladri: non lasciare i propri gioelli e i beni di valore nel cassetto del comodino. Perché è il primo posto in cui un ladro, che non ha il tempo di lanciarsi in una caccia al tesoro, va. Fate inoltre un inventario fotografico di tutti i vostri beni: dopo un furto avere la fotografia del bracciale di brillanti o dell'anello di smeraldi può rendere più facile il ritrovamento. Nel caso dovesse andare male, collegatevi al sito www.carabinieri.it dove è posssible trovare tutti gli oggetti che i militari dell'Arma recuperano durante le loro operazioni e che nessuno ha reclamato. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco53

    30 Luglio 2014 - 01:01

    Io scrivo: vi aspetto, sono armato fino ai denti, coraggio venitemi a trovare! Vi riempio di piombo. Altro che vado in ferie...con messaggino su Facebook!

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    07 Luglio 2013 - 09:09

    La signora cancellieri vuole vuotare le carceri, cosa succederà dopo ??? Mi astengo da ulteriori commenti!!!

    Report

    Rispondi

  • Hitto

    06 Luglio 2013 - 22:10

    anche se non centra con il titolo ...poco tempo fa io viaggiavo con la mia nuova alfa 159 e davanti a me avevo una vecchia ford fiesta con a bordo 7 "rifugiati" x il ministro boldrini e mi sono detto ..ah ora li fermeranno "c era un posto di blocco"..ma hanno fermato me chiedendomi se l'auto era mia e controlli vari (pure le gomme) e mi sono detto ma è proprio una cosa da pazzi. W L'Italia

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    06 Luglio 2013 - 21:09

    Lascierò a casa il mio amico gurka con l'indicazione, se entra qualcuno decapitalo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog