Cerca

Elemosina moleste

Il Vescovo stanco degli accattoni
mette i "buttafuori" davanti al Duomo

L'iniziativa dell'arciprete di Mestre è piaciuta ai fedeli. Solo uno durante la messa grida: "Razzisti"

Il Vescovo stanco degli accattoni
mette i "buttafuori" davanti al Duomo

Mentre Papa Francesco si appresta a partire per Lampedusa per incontrare gli ultimi degli ultimi a Mestre debuttano i "buttafuori" del Duomo. Non uno, ma addirittura due fedeli fisicamente dotati sono stati messi davanti all'entrata della basilica di San Lorenzo a a Mestre, per evitare che i barboni e i mendicanti si presentassero durante le funzioni a molestare i fedeli chiedendo l'obolo.

L'iniziativa è stata di monsignor Fausto Bonini, arciprete del Duomo di Mestre stanco di aver a che fare con quei molesti straccioni. "Spero che ci sia una reazione delle persone competenti. Siamo stanchi di doverci difendere da soli: intervengano i politici e le forze dell'ordine per aumentare i presidi sul territorio a tutela dei cittadini", ha spiegato l'alto prelato. "E' un'iniziativa che portiamo avanti gia' da alcuni mesi - spiega don Bonini - Mandiamo via gli accattoni violenti che popolano i dintorni della citta' di Mestre per tutelare i cittadini, per difendere i fedeli dalle continue vessazioni che devono subire. Si tratta di gruppi di malavitosi che non hanno bisogno di essere aiutati. Una volta domandavano, adesso pretendono, e se non gli dai i soldi diventano cattivi, minacciano. La situazione e' grave ma non da oggi, per questo abbiamo istitutito questa sorveglianza".

Sin dal primo mattino, infatti, a fare da 'body guard' è stato uno dei parrocchiani di lingua romena, proprio per cercare di instaurare un dialogo con i mendicanti piu' aggressivi e invitarli, nella loro lingua, ad allontanarsi. Alla vista dei giornalisti il 'buttafuori' è sparito lasciando spazio al giovane sacrestano, Michael Sabba, occhio azzurro e fisico atletico. Nonostante la loro presenza, una mendicante del gruppo dei 'barbanera', i rom che girano in città  si è avvicinata allo stesso parroco, mons. Fausto Bonini, per chiedere insistentemente l'elemosina, mostrando una foto di bambini. L'iniziativa di filtrare l'accesso al duomo è piaciuta ai parrocchiani, molti dei quali hanno espresso a mons. Bonini, fermo davanti al portone di ingresso, il loro appoggio. Una sola eccezione: un uomo è entrato in chiesa e durante la funzione delle 10 ha apostrofato il parroco gridando più volte ''razzista'', prima di essere fatto allontanare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gcarlo20

    06 Giugno 2014 - 23:11

    Ha ragione basta con il falso buonismo.

    Report

    Rispondi

  • gitex

    08 Luglio 2013 - 21:09

    non manca mai...e scommetto che è un seguace del vendolismo.....

    Report

    Rispondi

  • dx

    08 Luglio 2013 - 18:06

    ---

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    08 Luglio 2013 - 17:05

    tutti in Italia e questo è il risultato. Li avete voluti voi i poveri come rifugio in Italia e allora mo' che si fa?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog