Cerca

La scalata inizia male

Pd, Cuperlo investe due donne: niente Festa democratica

L'incidente nei pressi di Santa Maria Novella, a Firenze. Al volante il suo autista. Il dalemiano è in corsa per la segreteria del partito

Pd, Cuperlo investe due donne: niente Festa democratica

Inizia male la scalata di Gianni Cuperlo al Pd. Insieme a Pippo Civati, a in attesa di Matteo Renzi, Cuperlo è l'unico ad essere uscito allo scoperto nella corsa alla segreteria del partito. Come dimostra la vittoria di Pierluigi Bersani su Renzi alle ultime Primarie, il sostegno dell'apparato e dei miltanti è necessario per la vittoria, per cui, il giovane Cuperlo, da giorni gira in lungo e largo l'Italia, presenziando alle diverse Feste dell'Unità sparse per lo stivale. Con Renzi in campo, poi, quella di Cuperlo si annuncia una corsa disperata. In tutti i sensi. L'altra sera, ad esempio, si stava recando in auto alla Festa di Scandicci, Firenze. Al volante il suo autista, che di colpo si trova davanti due donne che stavano per attraversare la strada. Inutile l'urlo di Cuperlo ("Attento!"): le due donne vengono investite. Decisamente non un buon auspicio (peraltro in casa del suo futuro rivale Renzi...).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Logmain

    09 Luglio 2013 - 09:09

    sarcasmo e battutine fuori luogo. Bisognerebbe porsi dei limiti certe volte.

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    09 Luglio 2013 - 07:07

    ...non potrebbe guidarsela da solo,la macchina?per caso,e´considerato meritevole di scorta anche lui e quindi auto,autista,carburante e manutenzione la pagano,come al solito,gli italiani? Mi sembra permanga nel Pd la logica di privilegi per gli apparatchik della loro nomeklatura.Ah,bei tempi andati dell´Urss!magari sognano anche qui le corsie preferenziali sulle strade...

    Report

    Rispondi

  • Beauty

    08 Luglio 2013 - 21:09

    Si tratta del suo autista privato o di un autista che gli paghiamo noi? E in quest'ultimo caso: a che titolo?

    Report

    Rispondi

blog