Cerca

Partito di vipere

Renzi come D'Alema: quando Baffino
andò in gran segreto a Berlino
per farsi benedire da Kohl

Renzi come D'Alema: quando Baffino
andò in gran segreto a Berlino
per farsi benedire da Kohl

Il viaggio top secret di Matteo Renzi a Berlino della scorsa settimana ha irritato tanti nel Pd. Ma più di tutti deve aver fatto infuriare Massimo D'Alema, forse il più acerrimo avversario del rottamatore all'interno del partito. Perchè il sindaco di Firenze, quel viaggio dalla cancelliera Angela Merkel, lo ha copiato proprio da Baffino. Come ricorda Il Giornale, il 6 febbraio 1997 D'Alema fece visita all'allora capo del governo tedesco Helmut Kohl. Un incontro privato, senza annunci nè conferenze stampa, comunicato a giornalie tv solo dopo la sua conclusione. Per giunta, il giorno prima che l'allora premier italiano Romano Prodi visitasse a sua volta (in via ufficiale) la cancelleria di Berlino accompagnato da mezzo governo. Il duello Prodi-D'Alema scorreva ancora a livello sotterraneo, nel partito, col Mortadella che nelle elezioni dell'anno prima aveva sconfitto Silvio Berlusconi approdando a Palazzo Chigi. D'Alema, quel viaggio, lo fece ufficialmente per parlare di euro col capo di governo più potente d'Europa, ma in realtà la sua fu una visita per conoscere di persona Kohl e farsi a sua volta conoscere. Sappiamo tutti, poi, come finì tra D'Alema e Prodi, col primo che scalzò il secondo dalla guida di Palazzo Chigi il 21 ottobre 1998. Che possa finire così anche tra Renzi e Letta?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filder

    14 Marzo 2014 - 17:05

    Oramai la sinistra (tutti)vanno in pellegrinaggio a prendere ordini e consensi in Germania,dimenticando per prima cosa di essere Italiani.

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    23 Febbraio 2014 - 22:10

    Ricordo che con D'alema al governo iniziò l'era dei fondi fasulli da mollare a quei risparmiatori che nulla capivano di questo mercato. Tanti ci caddero nella trappola e tutti persero tanti milioni. Quindi i soldi bruciati in borsa in questa maniera sono andati a finire nelle varie banche interessate alla raccolta come ad es .la Germania? forse è allora che a qualcuno in Europa venne in mente di inventarsi la moneta unica? Sarebbe bello capire meglio cosa succedeva in Europa al tempo del governo Prodi. una cosa è certa che con il governo Prodi l'Italia acconsentì all'euro.

    Report

    Rispondi

  • LENABOGOSSIAN

    16 Luglio 2013 - 17:05

    e se avesse potuto, ci avrebbe provato pure anche con Lenin, Stalin e perché no con i Quattro Tse Dong!

    Report

    Rispondi

blog