Cerca

Le motivazioni della condanna

Ruby, il "sistema Arcore": Mora e Fede reclutavano olgettine, la Minetti era la "tutor"

La Corte accoglie la tesi dei pm Boccassini, Forno e Sangermano. I primi due "individuavano" le ragazze giuste, la terza le seguiva e le accompagnava

Nicole Minetti

Nicole Minetti

La sentenza di condanna rispettivamente a 7 e 5 anni per Emilio Fede e Lele Mora da un lato e Nicole Minetti dall'altro chiude il primo atto di un procedimento, il Ruby bis, nato come costola di quello principale a carico del leader Pdl Silvio Berlusconi e partito il 14 gennaio 2011, quando pochi giorni dopo lo scoppio della bufera su Berlusconi i pm di Milano Pietro FornoAntonio Sangermano e il procuratore aggiunto Ilda Boccassini notificano un avviso di garanzia a Mora, Minetti e Fede con le accuse di induzione e favoreggiamento della prostituzione, anche minorile. Tutti e tre sono amici, collaboratori o frequentatori di Berlusconi e della sua villa ad Arcore, dove avvengono le famose "notti del bunga bunga". "Cene eleganti", le ha sempre definite il Cavaliere, ma i pm e i giudici non gli hanno creduto. Da quel momento, è una pioggia di intercettazioni e telefonate piccanti. In una di queste, risalente a circa un anno prima, Minetti, parlando di Berlusconi, si sfoga: "Tu hai mai sentito dire dalla sua bocca: Oh, fermi un attimo, guarda che lei è una brava ragazza? Lui pur di salvare il suo c... flaccido non se ne frega di niente". 

Le accuse a Nicole, Lele ed Emilio - Il 15 marzo 2011 i pm chiudono le indagini su Mora, Fede e Minetti, accusati di aver indotto alla prostituzione 34 ragazze tra cui la minorenne, all'epoca dei fatti, Ruby. I pm delineano i ruoli dei tre indagati nel sistema Arcore. La ex consigliere regionale del Pdl è accusata di avere intermediato "la sistematica erogazione di corrispettivi per l’attività di prostituzione svolta previo assenso di Silvio Berlusconi per il tramite del suo fiduciario Giuseppe Spinelli". In pratica, accompagnava le ragazze a casa Berlusconi e gestiva gli affitti delle ragazze in via Olgettina. Fede e Mora, invece, erano per pm (e giudici) i talent scout: "individuavano le giovani donne disposte a prostituirsi, informandosi personalmente sulle caratteristiche fisiche delle ragazze disponibili e valutando di persona la rispondenza dei requisiti estetici".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pierfabro

    20 Luglio 2013 - 15:03

    - sistema arcore condanne certe........... - sistemaserravalle condanne? - sistema mps......... condannati gl'italiani che hanno dato " quattro miliardi di euri "

    Report

    Rispondi

  • pepo

    20 Luglio 2013 - 07:07

    a capire che se un presidente del consiglio frequenta zoccole,procacciatori e gente del genere ovviamente trovera' qualche uno di queste non rettissime persone che lo mettera'in difficolta' e questo puo' non fregarci niente per Berlusconi ma ci preoccupa come ITALIANI di poter essere messi noi in difficolta' come sara' successo in questo ultimo caso Kazako.E chi crea problemi all'ITALIA deve andare in galera

    Report

    Rispondi

  • liliana.m

    20 Luglio 2013 - 06:06

    pur di rovinare il berlusca faranno di tutto .e' vergognoso che il tribunale di milano impegnato solo (e con i soldi dei cittadini)a demolire un avversario politico.tutti hanno fatto tutto alla luce del sole.vergognatevi.

    Report

    Rispondi

  • Losjocos

    19 Luglio 2013 - 22:10

    Siiii...e se le portava tutte quante nella sua abitazione di residenza tra squilli di tromba e fanfare giusto per non farsi notare da nessuno....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog