Cerca

Nuovo processo

Bunga bunga, atti rinviati per Berlusconi, Ghedini, Longo e Karima: verso il Ruby 3

La Corte non ha spietato la possibile accusa. Nel processo Ruby 1 ipotesi falsa testimonianza per le olgettine e non solo

Ruby Rubacuori

Ruby Rubacuori

Alle toghe milanesi Ruby non basta mai. Dopo il processo Ruby, concluso con la condanna in primo grado di Silvio Berlusconi a 7 anni, ecco il processo Ruby 2, con altri 7 anni di carcere per Emilio Fede e Lele Mora e 5 per Nicole Minetti. Ma attenzione, perché tra pochi mesi si parlerà probabilmente del processo Ruby 3, perché come accaduto con la Corte che ha giudicato il Cav anche quella che ha condannato Fede, Mora e Minetti per induzione e favoreggiamento della prostituzione ha stabilito la trasmissione degli atti al pm per valutare eventuali ipotesi di reato in relazione alle indagini difensive. Nel mirino ci sono, naturalmente, Silvio Berlusconi, i suoi legali Niccolò Ghedini e Piero Longo e la stessa Karima el Mahroug, in arte Ruby. Nessun dettaglio, al momento, sull'accusa, ma come accaduto qualche settimana fa il profilo penale potrebbe essere quello della falsa testimonianza.

I dubbi su Ruby & Co. - Tutto verte sul rapporto tra Berlusconi e le ragazze sfilate al Palazzo di giustizia milanese. Testimoni, sì, ma anche tuttora a libro paga del Cavaliere, visto che ogni mese le Papi-girls ricevono circa 2.500 euro a testa. Quando Ruby nel maggio scorso viene sentita in aula come testimone, racconta che la Minetti "rimase in intimo durante alcuni balli sensuali ad Arcore". Nega invece i rapporti sessuali a pagamento con Berlusconi, dice di avere raccontato ai pm tante "cavolate". Il 7 giugno, la Minetti rende dichiarazioni spontanee, parla di avere amato di amore "vero" Berlusconi, accusa i pm di "malcelato moralismo" e sostiene di non avere mai organizzato le serate ad Arcore, né di essersi occupata degli inviti delle ragazze. 

"Abuso di potere" - Il 28 giugno tocca a Mora: nega di aver mai spinto alcuna ragazza a prostituirsi a villa San Martino, non esita a dire che la vicenda ha rappresentato un caso di "dismisura, abuso di potere e degrado". Poi però, fuori dall’aula del procedimento innesta la retromarcia: "Ad Arcore non c'è stato nulla di male". Al di là delle condanne, insomma, in questo intricato groviglio di dettagli piccanti, smentite e polemiche politiche, sembra che la verità definitiva debba ancora essere scritta. Forse è per questo che arriverà il Ruby ter. Oppure sarà solo uno show pruriginoso?

"Decisione surreale" - I legali di Berlusconi hanno criticato la scelta della corte di Milano. Ghedini e Longo, in una nota congiunta, spiegano: "Quando si cerca di esplicare il proprio mandato defensionale in modo completo, e opponendosi ad eventuali prevaricazioni, a Milano possono verificarsi le situazioni più straordinarie". Secondo i due avvocati del Cav la sentenza del Tribunale di Milano "già fa ben comprendere l'atteggiamento del giudicante. Ma inviare gli atti ai fini di indagini anche per il presidente Berlusconi e per i suoi difensori è davvero surreale".

"Ci difenderemo in ogni sede" - Ghedini e Longo aggiuntono: "Come è noto né il presidente Berlusconi né i suoi difensori hanno reso testimonianza in quel processo. Evidentemente si è ipotizzato che vi sarebbe stata attività penalmente rilevante in ordine alle esperite indagini difensive. Ciò - ribadiscono - è davvero assurdo". E ancora: "Silvio Berlusconi non aveva alcun interesse in quel processo e a maggior ragione i suoi difensori. Alcuni di quei testimoni avevano reso dichiarazioni in altro procedimento in sede di indagine difensiva. Tali dichiarazioni sono state raccolte dai difensori con le regole previste dal Codice e alla presenza di persona di fiducia; e con la massima trasparenza sono state immediatamente depositate alla Procura della Repubblica per le verifiche del caso. Tali testi, per ancor maggiore tranquillità, sono stati poi nuovamente assunti sugli stessi argomenti da altri avvocati mediante stenotipia e registrazione. Ci difenderemo in ogni sede da queste assurde insinuazioni con la certezza che non avranno seguito perchè emergerà l’assoluta infondatezza delle ipotesi accusatoria prospettata dal Tribunale", concludono i due avvocati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • barbanera

    20 Luglio 2013 - 19:07

    davvero senza cervello per non capire che questi processi,privi di reale efficacia giuridica,termineranno solo quando Berlusconi si ritirerà dalla politica.Ormai,e lo dico da berlusconiano,io penso che questi giudici siano complici di Berlusconi,perchè con questo sistema lui vincerà sempre.

    Report

    Rispondi

  • qwerty1995

    20 Luglio 2013 - 17:05

    Considerazione: un testimone che dichiara quello che ha visto, se quello che ha visto smonta le tesi dei magistrati, finisce sotto processo dagli stessi magistrati. Un testimone che dichiara il falso, ma avvalora la tesi dei magistrati, viene assolto dagli stessi magistrati perché ha dichiarato "la sua verità". Perché sia chiaro, mi riferisco a quello che accadde con il processo Tortora, e non so se in altri casi dopo di quello. Forse è venuto il momento che i magistrati dell'accusa vengano quanto meno separati dai magistrati che mandano sotto processo i cittadini? Forse è venuto il momento che il CSM diventi eletto dai cittadini, in modo che la magistratura debba rispondere in qualche modo di fronte ai cittadini stessi, oltre ad avere il potere assoluto della loro vita?

    Report

    Rispondi

  • qwerty1995

    20 Luglio 2013 - 17:05

    Siccome Silvio deve andare in galera, allora in galera anche quelli che hanno testimoniato la verità, se la verità scagiona il Cav. Bisogna educarli a non disobbedire ai magistrati. Perché sia chiaro: Silvio deve andare in galera. Deve andare in galera perché ha fatto sesso con Ruby quando era minorenne, oltre ad averle evitato di finire in comunità. Silvio viene condannato: vittoria! Problema: Ruby giura che Silvio non ha mai fatto sesso con lei, e per di più che Silvio neanche sapeva che fosse minorenne quando andò ad Arcore. Anzi, Silvio l'ha aiutata a sbarcare il lunario, evitandole, oltre alla comunità, anche la prostituzione. Soluzione: Ruby deve mentire, altrimenti Silvio rischia di non finire in carcere. Giammai! Ruby, in galera anche lei con tutti gli altri. A mio modesto giudizio questi togati hanno perso la bussola. La Siberia è altrove, nonostante la loro struggente nostalgia.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    20 Luglio 2013 - 16:04

    che per condannare un libero cittadino, si chiami esso silvio Berlusconi o Ciccillo Cacace, che sia esso un milionario o un semplice impiegato, occorrono delle prove. Prove fisiche, testimoniali corroborate da fatti, certe e circostanziate. Che si debba piegare la legge ed il sistema giudiziario solo perchè si vuole definitivamente far fuori l'odiato avversario mi dà il volta stomaco e che molti cittadini siano persuasi che queste continue violazioni della legge siano "giustificate" dalla "malvagità" del soggetto sotto accusa, mi spaventa moltissimo. L'illusione che, tolto di mezzo il perfido demonio, tutto torni "come prima" è, appunto, solo un'illusione. Questa è una guerra di potere tra poteri dello stato, chi vincerà non cederà un solo palmo del terreno conquistato. E, comunque, vorrei far notare che questi processi sono già pagati da noi e ci sono costati svariati milioni di euro. Sveglia, questa non è una partita di calcio, noi tutti qui, comunque vada, siamo perdenti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog