Cerca

Nel Paese dell'allarme-femminicidio

Fuori anche il "branco"
Per lo stupro di gruppo
carcere non obbligatorio

La Consulta boccia la norma che dispone la custodia in cella per chi sia gravemente indiziato di violenze di gruppo: il giudice può stabilire misure alternative, come i domiciliari

Siamo il Paese dell'allarme femminicidio. E anche quello che sta (chissà, forse) approvando una legge contro l'omofobia. Ma anche il Paese in cui persone che sono gravemente indiziate del reato di stupro di gruppo possono non finire in carcere, qualora sussistano le condizioni per applicare misure alternative alla custodia cautelare in carcere. Lo ha stabilito oggi una sentenza della Corte Costituzionale, che ha dichiarato l'illegittimità parziale dell'articolo 275 del codice penale, modificato con il decreto legge sullo stalking. Secondo la Consulta, i "gravi indizi di colpevolezza" non rendono automatica la custodia in carcere, ma il giudice puo' anche stabilire che le esigenze cautelari possono essere soddisfatte con misure alternative alla detenzione. Nella sentenza, peraltro, la Corte conferma la gravita' del reato, da considerare tra quelli piu' ''odiosi e riprovevoli''. Ma la ''piu' intensa lesione del bene della liberta' sessuale'', ''non offre un fondamento giustificativo costituzionalmente valido al regime cautelare speciale previsto dalla norma censurata''. Alla base del pronunciamento una questione di legittimita' sollevata dalla sezione riesame del Tribunale di Salerno. La Consulta ricorda in sentenza come ''la disciplina delle misure cautelari debba essere ispirata al criterio del 'minore sacrificio necessario ': la compressione della liberta' personale deve essere, pertanto, contenuta entro i limiti minimi indispensabili a soddisfare le esigenze cautelari del caso concreto". E questo vale anche per il "branco".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fdrebin

    24 Luglio 2013 - 12:12

    Ma non eravate garantisti e contro l'abuso della carcerazione preventiva? Ma ce l'avete un'idea di quando e perchè si applica la carcerazione preventiva in carcere o ai domiciliari? Prima di scrivere boiate di questa portata, buone solo per i gonzi, fatevelo spiegare da uno che conosce l'argomento.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    23 Luglio 2013 - 22:10

    Hanno tutti figlie fuori dal rischio stupro, quindi per loro il problema non si pone. W l'Italia.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    23 Luglio 2013 - 21:09

    Tutti musulmani? Credo proprio di si. Se a rischio fosse stato il loro sederino la sentenza sarebbe stata sicuramente diversa.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    23 Luglio 2013 - 21:09

    Figliole, è ora di girare armate. Pistole da borsetta facili all'uso immediato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog