Cerca

Orrore

Massa Carrara: uccide l'ex moglie, ferisce il compagno e si suicida

La donna freddata nel ristorante in cui lavorava, l'uomo ora è gravissimo. Due feriti. La gente gli urla "assassino": si ferma e si toglie la vita

Follia omicida a Marina di Massa, in provincia di Massa Carrara: un morto e tre feriti. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, si tratta di un omicidio, seguito da un suicidio. Marco Loiano, di circa 40 anni, avrebbe sparato ferendo in modo gravissimo l'amante della ex moglie, Salvatore Gambino. Poi, intorno all'ora di pranzo, si sarebbe recato nel locale dove lavorava come cameriera proprio l'ex moglie, Cristina Biagi, uccidendo anche lei.

La dinamica - Secondo le testimonianze, l'uomo sarebbe arrivato con la pistola in mano in una strada di Massa, dove avrebbe incrociato Gambino, che ha provato a fuggire in bici: a quel punto ha esploso tre o quattro colpi, ferendolo gravemente (inizialmente avevano detto che l'uomo era stato colpito nella sua abitazione). Quindi Loiano avrebbe raggiunto il ristorante e ucciso la donna. Quindi è fuggito in strada, qualcuno gli ha gridato "assassino". A quel punto si è fermato e si è ucciso.

I feriti - Nella sparatoria sarebbero rimasti coinvolti anche due ragazzi che si trovavano davanti al ristorante, a pochi passi dal lungomare e dalle spiagge della città. Uno dei due ragazzi sarebbe in gravi condizioni e sarebbe stato trasportato all'ospedale di Pisa. Marco Loiano e l'ex moglie Cristina avevano due figli: nel momento della sparatoria si trovavano a casa di una nonna, dove sono poi stati rintracciati dai carabinieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    29 Luglio 2013 - 11:11

    e nemmeno extracomunitario sui generis

    Report

    Rispondi

  • giudrago

    28 Luglio 2013 - 18:06

    Quando non si semina bene, i corvi si appropriano del seme. Così,come i corvi, la società ha distrutto, cio che Dio ha seminato col matrimonio.

    Report

    Rispondi

blog