Cerca

Storia di un caso

Dieci anni di scontri politici e giuridici: ecco tutte le tappe del processo Mediaset

Dal 13 giugno 2003 ad oggi: tutti i momenti significativi del processo

I ripetitori Mediaset

I ripetitori Mediaset

Oltre 10 anni di 'scontri' giuridici e politici, prima del verdetto della Cassazione. L’inchiesta 'Mediaset' aveva preso il via infatti due lustri fa e l’udienza preliminare convocata e continuamente aggiornata di mese in mese si era conclusa, con i rinvii a giudizio, nel 2006. Per il primo grado quasi 6 anni di processo 'a singhiozzo' tra richieste di ricusazione avanzate dai legali e l’istanza di astensione presentata dal giudice. E ancora slittamenti dovuti al lodo Alfano e al conseguente ricorso alla Consulta, richiesta di trasferimento del procedimento a Brescia, legittimi impedimenti di Silvio Berlusconi, cambi di capi d’imputazione. Simile la situazione per l’appello, 'tormentato' da legittimi impedimenti per malattia dell’ex premier, per la campagna elettorale, per l'elezione del capo dello Stato e la nomina del governo.

Queste le tappe principali: 

- 13 giugno 2003: Su alcuni quotidiani esce l’indiscrezione di un’inchiesta aperta dalla procura di Milano nei confronti di Silvio Berlusconi nata da un’altra indagine, quella sul comparto estero di Fininvest. I pm Fabio De Pasquale e Alfredo Robledo "Non confermano nè smentiscono". Nei giorni seguenti si avrà la conferma che l’indagine c'è e che già nel maggio era stata richiesta una rogatoria urgente negli Usa. La rogatoria sarà poi bloccata dal ministro della giustizia Roberto Castelli.  

- 7 luglio 2004: Anche Marina e Piersilvio Berlusconi risultano indagati fra gli altri col padre Silvio, il presidente Mediaset Fedele Confalonieri, l’ex responsabile del settore estero Fininvest Giorgio Vanoni e ancora l’ex responsabile di Fininvest Service in Svizzera Candia Camaggi e il presidente di Arner Bank Paolo Del Bue.   

- 13 luglio 2004: I militari del Nucleo Provinciale della Gdf di Milano perquisiscono gli uffici Mediaset. 

- 30 luglio 2004: Il gip Maurizio Grigo concede la proroga delle indagini.   

- 24 maggio 2005: L’inizio dell’udienza preliminare viene fissato per il 28 ottobre.   

- 26 ottobre 2005: I legali Mediaset chiedono il trasferimento a Brescia. A Milano ci sono "64 magistrati possessori di azioni Mediaset che potrebbero figurare come parti offese".   

- 28 ottobre 2005: l’udienza preliminare per 14 indagati viene subito rinviata perchè i pm hanno depositato documentazione oltre il termine previsto. Diventa pubblico nel frattempo che le indagini sono state aperte nel 2001 e che i reati ipotizzati partono dal 1988.   

- 7 novembre 2005: Inizia l’udienza preliminare   

- 11 novembre 2005: Il gup Paparella respinge la richiesta di trasferimento a Brescia.   

- 12 maggio 2006: Dopo altri tre aggiornamenti dell’udienza preliminare, il Pm De Pasquale chiede il rinvio a giudizio di Silvio Berlusconi e altre 11 persone. Chiede anche di affrettare i tempi "per il pericolo prescrizione. Non è colpa nostra se le indagini sono durate 4 anni".   

- 29 maggio 2006: Il legale di Silvio Berlusconi Nicolò Ghedini chiede di non processare il proprio assistito: "Si è dimesso il 26 gennaio 2004 dalle sue cariche in Mediaset e non ci sono testimonianze o documenti che comprovano le accuse".   

- 7 luglio 2006: Il Gup Paparella rinvia a giudizio Silvio Berlusconi per falso in bilancio, appropriazione indebita e frode fiscale. A giudizio altri 12 fra i quali Confalonieri.

- 21 novembre 2006: inizia il processo   

- 30 novembre: Il Gup dispone l’archiviazione per Marina e Pier Silvio Berlusconi.

- 15 gennaio 2007: Vengono dichiarati prescritti i reati fino al 1999.   

- 26 gennaio 2007: Il processo resta a Milano. Lo decidono i giudici della prima sezione penale respingendo la richiesta di trasferimento a Brescia.   

- 19 novembre 2007: Scatta per Berlusconi la prescrizione per il falso in bilancio resta quella di aver evaso il fisco.   

- 26 settembre 2008: Processo sospeso. I giudici accolgono l'eccezione di costituzionalità del Lodo Alfano e inviano gli atti alla Consulta.   

- 26 ottobre 2009: Viene fissata al 3 novembre la riapertura del processo sospeso in seguito all’approvazione del Lodo Alfano poi dichiarato incostituzionale dalla Consulta.   

- 16 novembre 2009: Si riapre il processo e viene subito rinviato per 'legittimo impedimento' del Cavaliere   - 12 aprile 2010: il Pm De Pasquale chiede di andare avanti col processo il sabato e la domenica per evitare gli 'impedimentì del premier.   

- 19 aprile 2010: Nuova richiesta dei giudici alla Consulta sulla costituzionalità delle legge sul legittimo impedimento. 

- 28 febbraio 2011: il processo riprende e viene rinviato ad aprile. La difese chiede udienze solo il lunedì. Berlusconi, che non si è mai presentato in aula viene dichiarato 'contumace'.   

- 11 aprile 2011: Berlusconi si presenta in aula e a De Pasquale dice "lei è il pm cattivo".   

- 5 ottobre 2011: La Corte Costituzionale giudica "ammissibile" il conflitto di attribuzioni sollevato da Berlusconi nei confronti dei giudici. 

- 18 giugno 2012: Il Pm chiede la condanna di Silvio Berlusconi a 3 anni e 8 mesi. "Sui soldi dei fondi neri - dice in aula De Pasquale - ci sono le sue impronte digitali". Dieci le condanne chieste complessivamente, la più alta, 6 anni, per il banchiere e fondatore della Arner Bank, Paolo Del Bue.   

- 24 settembre 2012: I legali chiedono l’assoluzione "perchè il fatto non sussiste".   

- 26 ottobre 2012: La sentenza di primo grado condanna Silvio Berlusconi a 4 anni (ma 3 condonati grazie all’indulto) con l'interdizione per 5 anni dai pubblici uffici e, con altri al pagamento di 10 milioni all’agenzia delle entrate e assolve Fedele Confalonieri; condanna condonata per Frank Agrama che era stato condannato a 3 anni. I giudici hanno riconosciuto Berlusconi "dominus indiscusso" del gruppo che "gestiva" anche dopo la sua "discesa in campo" nella politica. Complessivamente i giudici hanno stabilito 4 condanne, tre assoluzioni e 4 "non doversi procedere". L’ex presidente del consiglio parla di "accanimento giudiziario" e "uso politico della giustizia".   

- 18 gennaio 2013: Inizia il processo d’appello. La difesa Berlusconi chiede il rinvio a dopo le elezioni ma i giudici respingono.   

- 25 gennaio: E’ prevista la requisitoria del Pg Laura Bertolè Viale ma la difesa chiede ancora la sospensione del processo per la campagna elettorale. I giudici dicono no a sospensiva ma accordano il legittimo impedimento per una riunione dei candidati Pdl.   

- 1 febbraio: Nuova richiesta legittimo impedimento, respinta. Gli avvocati abbandonano l’aula e si rinvia l’udienza   

- 8 febbraio: Accolto legittimo impedimento, processo viene aggiornato a dopo le elezioni   

- 1 marzo: dichiarazioni spontanee di Silvio Berlusconi: "Mai occupato di diritti Tv". Il Pg chiede invece la conferma delle condanne: 4 anni per Berlusconi, 3 anni e 3 mesi per Fedele Confalonieri, 3 anni per Frank Agrama.   

- 9 marzo: Berlusconi assente perchè malato di 'uveite bilaterale'. Il Tribunale chiede la visita fiscale al San Raffaele e si decide che non c'è impedimento.   

- 16 marzo: Sì al legittimo impedimento   

- 23 marzo: ancora un legittimo impedimento. Si rinvia al 20 aprile.   

- 20 aprile: legittimo impedimento per l’elezione del Presidente della Repubblica. Si rinvia all’8 maggio.   - 8 maggio: i giudici confermano in appello la sentenza di primo grado.   

- 30 luglio: si apre l’udienza in Cassazione, il pg Antonio Mura chiede la conferma della condanna a 4 anni per Berlusconi ma la riduzione dell’interdizione dai pubblici uffici da 5 a 3 anni   

- 31 luglio: i difensori, gli avvocati Franco Coppi e Niccolò Ghedini chiedono di annullare la sentenza per leader del Pdl perchè "il fatto non costituisce reato". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog