Cerca

Il giallo di Bremate

Yara, arriva un'altra lettera:
"Sono Mario, sono stato io"

Yara Gambirasio

Continuano ad arrivare colpi di scena sul caso Yara. Dopo la lettere di una mamma che accusava suo figlio, l'Eco di Bergamo in edicola oggi, giovedì 8 agosto, pubblica la notizia di un'altra lettera di tre pagine. "Mi chiamo Mario, sono stato io", ha scritto un misterioso uomo che rivendica la paternità della lettera trovata lasciata martedì scorso all'ospedale di Rh. "Vi prego, informate la polizia di Bergamo: qui è passato l'omicida di Yara Gambirasio. Che Dio mi perdoni!" , aveva scritto qualche giorno fa sul quaderno delle preghiere dei fedeli nella cappella dell'ospedale di Rho, in provincia di Milano.La lettera adesso è all'esame degli inquirenti che tuttavia propendono per la tesi del mitomane. Ma siccome le certezze sul caso sono ancora pochissime, la polizia non vuole tralasciare nessuna ipotesi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog