Cerca

Il dramma dell'adolescente romano

Gay suicida a quattordici anni
Si riaccende il dibattito politico
sulla legge contro l'omofobia

Il marciapiede di San Basilio dove è morto l'adolescente

Il marciapiede di San Basilio dove è morto l'adolescente

Nei prossimi giorni, forse dopodomani, si svolgeranno i funerali dell'adolescente gay che si è ucciso buttandosi dalla terrazza di un palazzo di Roma perché si sentiva rifiutato e preso in giro per la sua omosessualità. La sua drammatica storia, lasciata scritta ai suoi genitori, ha riacceso nuovamente il dibattito sulla necessità di introdurre il reato per omofobia a tutela di gay, lesbiche, transessuali. La stessa presidente della Camera, Laura Boldrini, si è detta fiduciosa che "la Camera saprà trovare alla ripresa il modo per dare risposta alle attese e varare con la più larga maggioranza una legge che ci allinei agli altri Paesi dell'Unione Europea". 

Ma basta una legge? - La domanda resta sempre quella: può una legge impedire tragedie come quella di San Basilio? "La legge sull'omofobia l'aspettiamo in Italia da molto molto tempo - ha detto il ministro degli Esteri, Emma Bonino - Non sono sicura che avrebbe risolto il problema, ma certamente avrebbe consentito alla politica di fare la sua parte". "E' ai ragazzi e alle ragazze come questo quattordicenne che bisogna pensare quando si dibatte dell'omofobia, ha puntualizzato il presidente dell'Arcigay, Flavio Romani. Anche il Movimento Cinque Stelle del Senato ha chiesto "a Letta, ma anche ai presidenti Grasso e Boldrini e al Parlamento tutto, che provvedano al più presto alla definizione della legge contro l'omofobia e contro la transfobia che già era stata promessa e la cui discussione è stata solo avviata, con estrema lentezza". Nichi Vendola, presidente di Sinistra Ecologia Libertà si è invece augurato, su Twitter, che "l'intera classe dirigente chieda perdono per le vittime dell'omofobia e per aver consentito che l'odio per le diversità diventasse lessico ordinario della contesa politica".

Serve cultura - Da parte sua il senatore Pdl Carlo Giovanardi si dice "pronto a votare una legge che punisca con una aggravante chiunque usi violenza, offenda o discrimini persone per la loro diversità, fragilità o disabilità, ma", tuona, "ci opporremo in ogni modo ad una legge liberticida ed eterofoba come quella in discussione alla camera dei deputati, che vuol colpire con il carcere, come ha spiegato anche Piero Ostellino, chi non è d'accordo per esempio con il matrimonio o l'adozione di bambini da parte di coppie gay''. Secondo Giovanardi "il profondo dolore per la perdita di una giovane vita non giustifica una grossolana strumentalizzazione per altri fini, tenendo anche conto che per fortuna l'Italia è il paese d'Europa che ha di gran lunga la più bassa percentuale di suicidi tra i giovani, tra l'altro in costante diminuzione". Per Mara Carfagna la legge contro l'omofobia, che sara' approvata dopo la pausa estiva, "non basta, da sola, ad evitare gesti disperati", come quello del giovane ragazzo di Roma, "servono", secondo la portavoce del gruppo Pdl alla Camera, "anche se non soprattutto, momenti di sensibilizzazione nelle scuole e tra i ragazzi più giovani, così come quelli che avevamo avviato sotto il governo Berlusconi, in accordo con la Gelmini, per entrare negli istituti con temi come la violenza di genere e l'omofobia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • operalnero

    12 Agosto 2013 - 18:06

    Proporrei per ogni gay un 'maestro di sostegno' a scuola e una numerosa scorta.

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    12 Agosto 2013 - 14:02

    Ti basta conoscere due o tre gay allegri e spensierati per pensare che tutte le situazioni siano uguali. Non ti sembra di avere pretese eccessive? Se solo avessi fatto il volontario in qualche telefono amico avresti una prospettiva più seria.

    Report

    Rispondi

  • gibuizza

    12 Agosto 2013 - 13:01

    Grande pietà per un ragazzo di 14 anni che si uccide perché indifeso. Mia auguro che vengano condannati per istigazione al suicidio non tanto chi lo derideva e lo ignorava (tipico dei ragazi di quella età) ma chi avrebbe dovuto difenderlo e invece magari ha preferito lasciarlo solo per avere una bandiera da far sventolare!

    Report

    Rispondi

  • gioant

    12 Agosto 2013 - 13:01

    state diffondendo questa notizia da giorni,si annunciano leggi pro gay,ma non avete dato notizia di alcuni suicidi per mancanza di lavoro chissà perchè!detto ciò,il suicidio è uno stato mentale che nessuna legge può evitare,ma forse non dare notizia di gente che si suicida può servire.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog