Cerca

Lotta all'evasione

Al via il nuovo redditometro
I primi controlli già a settembre

Verrà acceso oggi il software che sfornerà la lista dei potenziali evasori. La soglia di tolleranza tra spesa e reddito è del 20%

Al via il nuovo redditometro
I primi controlli già a settembre

Verrà "acceso" oggi il redditometro e il nuovo software, rodato già da settimane, sfornerà la prima lista di potenziali evasori fiscali. Che, già dai primi di settembre, saranno chiamati negli uffici dell'Agenzia delle Entrate a spiegare come hanno fatto a spendere tanti soldi pur avendo dichiaratato così poco reddito. Si partirà dalle dichiarazioni fatte nel 2010 che si riferiscono al 2009: il sistema sarà in grado di ricostruire per ciascun contribuente le spese effettuate di cui il Fisco ha certezza e di metterlo a confronto con il reddito dichiarato in quell'anno. L'occhio attento guarderà tutto, dall'affitto di yacht all'acquisto di medicine, dal mutuo alla spesa per la badante, dall'iscrizione a circoli culturali e sportivi, alle vacanze, ma anche gli assegni periodici corrisposti al coniuge in caso di separazione o divorzio: da una parte saranno considerati una 'spesa', dall'altra un 'reddito'. L'accertamento scatterà comunque solo nel caso di un "divario"del 20% tra quanto dichiarato e quanto calcolato dal fisco.

All'inizio, spiega il Corsera, gli accertamenti si concentreranno sulle incongruità più evidenti, poi piano piano i controlli saranno estesi  tanto che a regime ne sono previsti 35mila l'anno. Il nuovo redditometro prevede comunque maggiore spazio per il dialogo con un doppio contraddittorio tra fisco e contribuenti, che potranno fin dal primo incontro dimostrare che le spese sostenute sono state finanziate con redditi che l'Agenzia non conosce perchè tassati alla fonte o esclusi dalla base imponibile (ma devono esserci gli atti, o i bonifici e le fatture). Se le indicazioni sono esaustive, l'attività di controllo si chiude in questa prima fase. In caso contrario, il contraddittorio prosegue e vengono valutate anche le spese per beni di uso corrente, calcolate sulla base delle medie Istat. Se al termine di questa fase il Fisco ritenesse di aver ragione si aprirebbe l'accertamento formale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Palmiro Fazzari

    20 Agosto 2013 - 11:11

    Come sempre , continuiamo ad essere tartassati da una classe di merda , persone che non sono identificabili , PDL, PD,SEL , M5S sono tutti uguali , degli emeriti fannulloni , truffatori, ladri ! Sfido chiunque a provare il contrario , purtroppo siamo tutti dei pecoroni , succube di una farsa mediatica , una grottesca verità , che esiste solo in un mondo loro , certamente non è la realtà in cui viviamo noi comuni mortali. Paghiamo una marea di tasse, per avere servizi pessimi, un sistema pessimo , una giustizia pessima , etc.. Che senso ha? Dovremmo rimettere tutti e tutto questo sistema fuori gioco , dovremmo raccogliere le firme con un referendum ed uscire dall'euro, prendere tutti i beni ai politici , e dare vita ad un parlamento di non più di 150 persone tutte comprese . Eliminare i sindacati , eliminare la pubblica amministrazione , eliminare tutto l'eccesso che oggi , ha portato u a pressione fiscale insopportabile , un debito pubblico insopportabile .

    Report

    Rispondi

  • encol

    20 Agosto 2013 - 09:09

    Stiamo a vedere quanti "Politici, Direttori ( asl e ospedali), Presidenti, Professionisti(medici), Titolari di doppi e tripli incarichi, Titolari di doppie e triple pensioni" saranno pizzicati.

    Report

    Rispondi

  • decibel

    20 Agosto 2013 - 08:08

    vi aspetto con il fucile imbracciato...

    Report

    Rispondi

  • allianz

    20 Agosto 2013 - 06:06

    Andrà a finire che la lista nera andrà a colpire gli onesti ai quali verrà contestato un reddito presunto di tot migliaia di euro,i quali dovranno difendersi in base al "presunto guadagno"contestato,con ulteriori spese legali per dimostrare che non è vero.Dopo di che le parti verranno ad un accordo per pagare una cifra in più estorta....Insomma sfruttando questo sistema elettronico ci sarà il danno oltre che la beffa.E che volete? Siamo in Italia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog