Cerca

L'indagine

Brescia, il prete lascia 800mila euro in eredità alla badante

Pare che i soldi provengano dalle offerte e dai risparmi della parrocchia Il tribunale di San Sebastiano si riunirà martedì

Brescia, il prete lascia 800mila euro in eredità alla badante

Si era occupata di lui per 12 anni, così il parroco di Lumezzane (Brescia) ha lasciato in eredità alla sua badante 800mila euro. Una cifra esagerata? A pensarla così il Tribunale di San Sebastiano, che ha messo sotto sequestro la somma e si riunirà martedì 20 per discutere sull'anomalia. Viene il dubbio che i titoli e il denaro, concessi da don Giulio Gatteri alla badante, possano provenire dalle offerte dei fedeli e dai fondi della parrocchia.  Il religioso si occupava della chiesa bresciana da 20 anni, e morì lo scorso 10 aprile: aveva guidato i lavori di ristrutturzione dell'oratorio, promettendo ai collaboratori che i mutui sarebbero stati pagati con i fondi parrocchiali. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • taxpayer

    20 Agosto 2013 - 12:12

    Quella di "cacciatore di eredita'" e' una professione vecchissima, che fiori' anche nell'antica Roma. Con piaggerie e false dimostrazioni di affetto questa gente approfitta del rimbambimento senile di benestanti facendosi nominare eredi. Ma questo non avverrebbe se i parenti e i veri amici del raggirato si occupassero di lui, specialmente in caso di malattia.

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    20 Agosto 2013 - 09:09

    in gioventù,smisi di frequentare la mia parrocchia(ma non la chiesa come istituzione)per protesta contro l'anziano parroco della prima,che aveva,meschinamente, allontanato il suo vice perchè si sentiva messo in 2° piano dal suo operato verso giovani e ragazzi!anni dopo,quando il parroco in parola morì,seppi che aveva lasciato quasi un miliardo di lire ai suoi nipoti!una delle cause giustificative del"celibato del clero", che cominciò ad essere imposto a partire dal IV° secolo D.C.,quando fù professionalizzata la figura del sacerdote,non era il sesso"impuro"!il sesso diventò"impuro"dopo,poichè era precluso ai preti!il motivo era,per una chiesa che cominciava a diventare ricca con elemosine e donazioni,il dover dividere tali patrimoni con la prole dei preti!infatti,cì fù un periodo in cui un prete poteva avere moglie a patto di non accostarvisi per prolificare!e invece,proprio in ambito ecclesiastico nacque il nepotismo che vanificò tutto!il prete,senza figli, beneficiava i nipoti!

    Report

    Rispondi

  • forart.it

    20 Agosto 2013 - 08:08

    ...nella dichiarazione dei redditi giro il mio 8 per mille ai Valdesi !

    Report

    Rispondi

  • billy56

    19 Agosto 2013 - 18:06

    Sono cristiano,ma quando leggo certe cose mi stupisco,ma perche non li a devuluti a gente piu bisognosa? sicuramente lui li avra' ricevuti come donazioni per la chiesa,dovrebbero rimanere a disposizione per i piu poveri.Non alla badante.predicano e poi fanno quello che vogliono,magari la badante(rumena)l'avrà soggiocato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog