Cerca

Ostaggi delle pratiche

Multe ai morti e bollette errate
La malaburocrazia non ha pietà

Vedova e con la pensione minima, l’Inps le chiede 7mila euro per l’indennità del marito, defunto 10 anni fa. E a una signora arrivano 200.000 euro di luce

Multe ai morti e bollette errate
La malaburocrazia non ha pietà

La malaburocrazia non va mai in vacanza, nemmeno in agosto. Anzi, spietata bussa alle porte dei poveri italiani, la cui estate, in molti casi, è già stata guastata dall’impossibilità, causa conti in banca ridotti al lumicino, di trascorrere qualche giorno di relax al mare. 

Prendiamo il caso della signora Maria Grazia Vendramin, 61 anni, residente a Quinto di Treviso - 10mila abitanti nella zona sud del capoluogo veneto. La sgradita sorpresa le si è presentata direttamente nella buca delle lettere: l’Inps, dopo essersi preso un paio di lustri di tempo per portare a termine tutti gli accertamenti del caso, le ha infatti inviato una comunicazione che la invita a restituire 7.365,56 euro. Cifra che, secondo l’istituto nazionale di previdenza sociale, il di lei fu marito Silvano Granello - morto 10 anni fa a causa di un tumore - avrebbe percepito come indennità di mobilità ma senza averne titolo, per nove mesi, dal 2 gennaio al 30 settembre 2003.

Niente rate - La signora, nell’esprimere il suo sconcerto, non vuol entrare nel merito della contestazione. Dice comunque di non sapere quali pratiche l’ex consorte - autista per una ditta fino al fallimento della stessa -  avesse avviato con l’istituto previdenziale. Ciò che la vedova trevigiana disapprova sono invece le modalità e i tempi con i quali le è stata presentata la comunicazione. Nella busta, assieme alla richiesta di rifondere la somma che sarebbe stata elargita in modo ingiustificato, le sono stati spediti il bollettino prestampato per procedere al saldo in un’unica soluzione e la proposta di rateizzazione. Peccato che, trascorsi dieci anni dai fatti contestati, i termini per poter chiedere un pagamento poco alla volta siano scaduti. 

Per la signora Vendramin, che si dice «distrutta» a causa del macigno che le è piombato addosso tutto di un tratto -  sottolinea di non aver ricevuto mai alcun preavviso - rimane la possibilità di impugnare il provvedimento. Certo:  ma come fare a sostenere un’azione legale con tutti i costi che ne deriverebbero, considerato che l’unica sua entrata è rappresentata da una pensione di reversibilità di  600 euro al mese, nessun lavoro, il mutuo della casa e tutte le tasse e le bollette da pagare? In passato la donna aveva lavorato come bidella in alcune scuole di Treviso. La necessità di sottoporsi a una serie di terapie, però, l’aveva costretta ad abbandonare l’impiego, col conseguente arretramento nelle graduatorie per l’assegnazione di nuovi incarichi. Ora, anche per far fronte ai soldi che l’Inps le chiede, avrebbe assoluta urgenza di tornare ad avere una busta paga.

Due mesi di odissea - Nemmeno una vita di sacrifici, invece, sarebbe bastata alla padovana Silvana Muraro - che vive con la figlia studentessa - per pagare la bolletta di 202.597,40 euro che l’Enel le ha recentemente spedito come corrispettivo di sessanta giorni di consumi elettrici domestici. Che si tratti di un errore, dovuto magari a un guasto del contatore o a un problema informatico, non v’è dubbio - consumi del genere sono da azienda nemmeno tanto piccola. Ma la signora padovana sostiene di essere riuscita a chiarire la propria posizione soltanto dopo due mesi di telefonate e raccomandate. Anche la sua estate, a causa dello choc subìto, è stata rovinata. «Ho perso tempo per sistemare un errore che non è mio, vivendo anche pesanti stati d’ansia» sottolinea la signora Muraro. Che poi si domanda cosa mai sarebbe potuto accadere se una simile bolletta fosse stata recapitata a un anziano, magari debole di cuore.  Fuor d’ironia, roba da restarci fulminati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Garrotato

    27 Agosto 2013 - 10:10

    ...sui rami dei platani dei viali. Se vogliamo assicurare a Mastrapasqua i suoi centomila al mese, dobbiamo pure ramazzarli da qualche parte, una vedova si arrabatterà con parenti e amici, no? E che cavolo, ci vuol tanto a capire?

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    26 Agosto 2013 - 20:08

    la parola. potè il bastone. una volta i discoli incalliti si educavano così.a volte con risultati sorprendenti. al mio paese il miglior sindaco mai avuto ahimè deceduto nel 2004 per male incurabile è stato un giovane scapestrato e ribelle ad ogni disciplina poi dopo anni di collegio dei discoli è stato uno degli ..amministratori pubblici più influenti.. come mestiere faceva l'industriale . ha messo su una multinazionale dell'assemblaggio speciale parti elettroniche. a volte ridendo raccontava delle botte che prendeva dagli *educatori* ed anche dai carabinieri a quei tempi,anni 50, assai maneschi. con lo stato dove non si può discutere perchè ha sempre ragione, si usa un altro linguaggio per farsi capire. si dice che gli asini vadano trattati col bastone e con la carote. ma le carote (leggi pazienza) son già finite da un pezzo.. allora ..diamoci dentro!

    Report

    Rispondi

  • encol

    26 Agosto 2013 - 14:02

    Malaburocrazia, Malgoverno, Malagiustizia, Malasanità ecc. Tutti eufemismi coniati su misura per coprire VERI REATI e per non pagare mai per il MALE commesso. E' un paese allo sbando totale, non è solo un problema di economia caso mai l'economia in sfacelo è la logica conseguenza. Anni di Corruzione, Clientelismo, Raccomandazioni, Avanti i figli di..pur somari che siano, ci hanno regalato questo Paese che BELLO ora non è più. Nel settore Pubblico si accede tramite concorso, possibilmente vero, è la legge che lo stabilisce ma da circa 30 anni a questa parte è prevalsa la "GRADUATORIA", un parolone che altro non è se non LA FILA. Un po' come il ticket che si prende dal salumiere si avanza quando è il tuo turno. Macchè concorsi sono cose da scemi avanti con la "graduatoria" si fa prima ed è il paradiso della corruzione.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    26 Agosto 2013 - 11:11

    Lei forse non sa che in Costa Rica il Sig. Dini possiede una villa megagalattica nella zona di Tamarindo.Da notare che le loro consorti una ventina di anni fa,e questo fu riportato su tutti i giornali dell'epoca,spesero la bellezza di 43.000.000.000 miliardi delle vecchie lire per l'acquisto di terreni.Furono messe entrambe sotto inchiesta senza un nulla di fatto.Se lo puo' quindi immaginare il perchè non sono state perseguite penalmente. Uno di questo è quello dove sorge la sua villa.Il muro di cinta è lungo 10 miglia e ci sono guardie armate addette alla vigilanza.A proposito...Il Sig. Dini è anche concessionario GENERALE per la Barilla nel continente Sudamericano.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog