Cerca

Aperto un fascicolo

No Tav, Vattimo indagato: ha fatto entrare due attivisti in carcere

I magistrati sospettano che l'europarlamentare, in visita all'antagonista Giacobbe alle Vallette, abbia introdotto Abbà e Dosio con una scusa

Gianni Vattimo

Gianni Vattimo

La Procura di Torino vuole vederci chiaro sulla visita in carcere a un attivista No Tav dell’europarlamentare Gianni Vattimo avvenuta lo scorso 15 agosto. Per  ora c'è un fascicolo senza indagati né ipotesi di reato. Vattimo si era presentato al carcere delle Vallette per far visita a Davide Giacobbe, attivista arrestato qualche giorno prima, accompagnato da due esponenti del movimento No Tav, Luca Abbà e Nicoletta Dosio e aveva dichiarato che si trattava di suoi consulenti. Tutti e tre sono stati convocati per lunedì in Procura per spiegare questa circostanza. I magistrati, Andrea Padalino e Antonio Rinaudo, voglio chiarire in che veste Abbà e Dosio siano entrati in carcere. Per  tutti e tre potrebbe profilarsi l'accusa di falso ideologico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    17 Gennaio 2014 - 09:09

    Nemmeno se sono teste di legno.Questi non sono ne l'uno ne l'altro.E allora quanto hanno preso in soldoni?Cara redazione di Libero...le informazioni si pagano.Nessuno che indaga?

    Report

    Rispondi

  • primus

    31 Agosto 2013 - 13:01

    Sono dei terroristi e devono essere trattati da terroristi, una legge esiste ? venga applicata

    Report

    Rispondi

blog