Cerca

No kids

Ristoranti, alberghi e aerei
Le vacanze dove i bimbi sono vietati

Per chi non regge le intemperanze dei marmocchi arrivano i soggiorni per soli adulti

Ristoranti, alberghi e aerei
Le vacanze dove i bimbi sono vietati

Bambini che urlano, strillano, piangono ininterrottamente. Essere in aereo, magari per una traversata, e dover sopportare piccoli che non smettono un secondo di urlare, correre tra i corridoi e picchiare sul sedile davanti che, ovviamente, è proprio il vostro. O - peggio - al ristorante, durante una cena di lavoro o romantica, non riuscire a intrattenere una conversazione perché al bimbo del tavolo vicino quel cibo proprio non piace e vuole andare a casa. Fuor d’ipocrisia, alzi la mano chi, almeno una volta, non ha desiderato veder sparire il piccolo ospite.  A volte in vacanza, più che altro per chi non ha figli a carico, la presenza dei più piccoli può diventare un problema. Ed ecco che subito il mercato raccoglie l’appello. E propone le vacanze «no kids» - formula che, tradotto, significa letteralmente «niente bambini». E sta a indicare hotel e resort in cui l’accesso è vietato ai più piccoli.

La nuova moda - La moda, nata oltreoceano, è presto diventata un must nel nord Europa, conquistando inizialmente Paesi come Svezia e Germania. Oggi, forse con un po’ di ritardo - e anche, per la verità, un po’ di comprensibile perplessità - rispetto alla nascita del trend, anche l’Italia si sta attrezzando per offrire a chi lo desideri  luoghi di vacanza interdetti ai più piccini. Alberghi, ma anche ristoranti, bar e addirittura aerei in cui la presenza dei bambini - per usare un eufemismo - non è gradita. In questo senso, già nel 2008 la scrittrice francese Corinne Maier, pur essendo mamma di due splendidi bambini, spiegava in un libro come nei luoghi più «trendy» i piccoli non fossero ben visti e anzi risultassero addirittura sgraditi - elemento, questo, che per la verità spingerebbe più che altro a mandare a quel Paese i radical chic del «no kids». Ma tant’è: ecco che, per esempio, in Svezia non sono pochi gli hotel che non accettano prole sotto i dodici anni. Così come nella latinissima Spagna la catena «Iberostar» accetta ospiti a partire dai 14 anni, e la «Sandals» addirittura dai diciotto. In Austria l’albergo «Cortisen», uno dei più gettonati della regione, è vietato ai bambini di ogni età, e nonostante questo - o forse proprio per questo - registra in ogni stagione il tutto esaurito, segno che - come spiegano dall’hotel -  sono tanti coloro che apprezzano questo tipo di politica turistica. 

In volo - E ormai anche gli aerei cavalcano la tendenza. Per dire, la compagnia inglese «Thomas Cook Airlines» vola già due volte alla settimana per Creta e Gran Canaria soltanto accettando passeggeri adulti, perlopiù diretti verso villaggi e hotel che condividono la stessa filosofia. E negli Stati Uniti la «National Transportation Safety Board» - l’agenzia che si occupa di sicurezza sugli aeroplani - ha scritto alla Federal Aviation Administration per far introdurre la regola «un passeggero-un posto», un vero dissuasore di mobilità infantile. Anche la low cost molto nota in Italia, la «Ryanair», ha avviato un programma di voli in cui i più piccoli non sono ammessi a bordo, dopo che un’indagine condotta dalla compagnia tra i suoi clienti aveva dimostrato che il 50 per cento di loro avrebbe pagato volentieri un sovrapprezzo per poter viaggiare su voli senza bambini a bordo. 

E in Italia? Da anni, l’hotel «La Scalinatella» a Capri, piccolo ed elegantissimo cinque stelle arrampicato su via Tragara e considerato uno dei  luoghi più suggestivi in cui soggiornare , vieta l’accesso ai tour operator e sconsiglia fortemente la vacanza con bambini. L’idea è molto apprezzata, spiegano,  soprattutto da chi i bambini in effetti li ha e però, per qualche giorno l’anno, vuole regalarsi il lusso di poter dormire beato senza l’urlo del figliolo. Preferiscono il target adulto anche il resort «Alpin Garden»  in Val Gardena e il  «Palazzo Hedone» a Scicli, provincia di Ragusa. 

In ogni caso, la policy «no kids» in Italia non manca di generare polemiche. Non esiste infatti un vero e proprio divieto in quanto - come spiegato da Barbara Casillo, direttore di Confindustria Alberghi - la legge italiana non consente il divieto d’accesso a nessuno in alcun luogo. E se da una parte ci sono quei viaggiatori che lamentano continuamente sui siti di recensioni l’insopportabile presenza in questo o quell’albergo di bimbi urlanti  e cercano espressamente strutture che non siano propriamente «per famiglie»; dall’altra movimenti come l’Associazione Nazionale Famiglie Numerose hanno espresso indignazione verso un orientamento turistico definito addirittura discriminante.

di Marianna Baroli


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    11 Maggio 2014 - 23:11

    I bambini bene educati devono essere accettati ovunque. Discorso diverso per gli altri. Bambini e relativi genitori maleducati e cafoni se non vogliono essere discriminati cambino abitudini.

    Report

    Rispondi

  • lorella63

    04 Settembre 2013 - 08:08

    qui non si discute di "razzismo" ma solo sulla possibilità che qualcuno ha dato a chi non sopporta...non in toto i bimbi...ma i figli maleducati e urlanti di genitori cretini che farebbero meglio a non "procreare"!!!! Giusto 10gg fà in vacanza...residence con idromassaggio nel prato...8 ore al giorno "requisito" da 3 bei marmocchi urlanti, maleducati e senza regole! paparini e mammine ridenti dal balcone...(è dovuta intervenire la proprietaria chiedendo che lasciassero anche agli altri ospiti tale possibilità!!!!) Io amo gli animali...anche a me dà terribilmente fastidio il cane che abbaia giorno e notte, ma il bastone lo userei sul proprietario! E' SOLO questione di educazione e buonsenso non di discriminazione...oggi bambino maleducato...domani adulto deficente

    Report

    Rispondi

  • pinopes60

    04 Settembre 2013 - 07:07

    speriamo adesso che non li vietino anche nei giardini pubblici o parco giochi, qualcuno che vorrà leggere il giornale in tranquillità altrimenti dove andrà?

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    04 Settembre 2013 - 07:07

    Questa è una idea bellissima. I bambini devono rompere le palle solo a chi li ha messi al mondo!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog