Cerca

Indagati per tentato omicidio

Bimbo di tre mesi con lesioni e frattura alla testa. I medici: "Sindrome da maltrattamento"

I genitori dichiarano: "Si è ferito gattonando". Poi la madre confessa: "Forse per far star zitto il bambino, mio marito l'ha picchiato"

E' stato portato all'ospedale Di Cristina di Palermo dai genitori, perché vomitava senza sosta, il 14 agosto scorso. Il piccolo di tre mesi è stato ricoverato in rianimazione: fratture e altre lesioni, la più grave alla testa, che, secondo i medici, sarebbero riconducibili ai maltrattamenti subiti dal padre. I due genitori hanno dichiarato che il piccolo si era ferito gattonando. Ma i medici del reparto di rianimazione la pensano diversamente: "Massacrato di botte", hanno riferito ai carabinieri. Poi, sulla cartella clinica, hanno scritto: "Sindrome da maltrattamento".

Il piccolo Giorgio (nome di fantasia), soprattutto per la ferita riportata alla testa, ora rischia la vista e l'udito. Per i medici il bimbo sarebbe stato picchiato selvaggiamente, ecco perché la Procura, come scrive oggi l'edizione locale di Repubblica Palermo, ha iscritto nel regsitro degli indagati sia la madre che il padre, entrambi ventenni, che in un primo momento hanno additato i medici di aver sbagliato diagnosi. Il Tribunale dei minori ha tolto provvisoriamente la patria potestà alla coppia, fino a quando non si farà luce sulle indagini. Il quotidiano riferisce anche che è stata chiesta la consulenza di un genetista, per accertare che il bambino non soffra di una malattia genetica e che quindi le fratture non siano dovute a una patologia innata.

Non ancora ascoltato dal pm il padre del bambino. Sentita invece la madre, che ha dichiarato la loro depressione e ha indicato il marito come possibile responsabile dei maltrattamenti. La coppia è infatti senza lavoro. L'uomo è figlio di un primario in pensione, ma da anni soffrirebbe di alcuni problemi psicologici: "Sono depressa  -  ha raccontato la donna ai militari - e spesso è mio marito a occuparsi di nostro figlio, ma anche lui soffre da anni di depressione e forse per fare star zitto il bambino lo ha picchiato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antonioarezzo

    03 Settembre 2013 - 17:05

    e' poco. io gli spaccheei gambe e braccia e li lascerei crepare di fame e di sete in una cantina buia.

    Report

    Rispondi

  • antonioarezzo

    03 Settembre 2013 - 17:05

    e' poco. io gli spaccheei gambe e braccia e li lascerei crepare di fame e di sete in una cantina buia.

    Report

    Rispondi

  • antonioarezzo

    03 Settembre 2013 - 16:04

    a sprangate in faccia. e' quello che si meritano. SPRANGATE !!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

blog