Cerca

Porte aperte

Papa Francesco, senza scorta al centro Astalli di Roma per abbracciare i rifugiati

Bergoglio al Centro Astalli gestito dai gesuiti, in mezzo alla folla senza guardie del corpo: "Molti di voi sono musulmani, non temiamo le differenze"

Papa Francesco

Papa Francesco

Ancora una volta Papa Francesco, quando è sceso con la sua solita "auoritaria" blu davanti al centro Astalli, nel cuore di Roma, ha lasciato tutti a bocca aperta: senza scorta, né cerimoniali. Nell'auto insieme a lui, al posto di guida, solo il capo della gendarmeria vaticana, Domenico Giani. Ad accoglierlo, una trentina di rifugiati, perlopiù africani, in fila per la Messa del Pontefice, che, prima di entrare, si è fermato a salutarli, a baciarli e abbracciarli. 

La folla - Erano centinaia le persone assiepate lungo le transenne, che hanno chiamato il Pontefice per ricevere un gesto. Così Bergoglio, dopo il saluto ai rifugiati, ha cercato di tornare indietro per stringere le mani anche ai tanti curiosi e turisti che aspettavano di vederlo. Ha salutato alzando le braccia verso la folla presente e infine è entrato nel centro. Un incontro strettamente privato. Papa Francesco ha salutato gli immigrati che, nel centro Astalli, dove si trova la tomba di Padre Pedro Arrupe, fondatore del servizio dei Gesuiti per i rifugiati, ricevono assistenza giornaliera. Prima di lui, erano giunti sul luogo anche il sindaco di Roma Ignazio Marino e il governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Le parole di Bergoglio - "Molti di voi sono musulmani, di altre religioni; venite da vari paesi, da situazioni diverse. Non dobbiamo avere paura delle differenze. La fraternità ci fa scoprire che sono una ricchezza, un dono per tutti. Viviamo la fraternità", ha detto Francesco rivolgendosi ai rifugiati presenti. ''Ognuno di voi cari amici - ha aggiunto il Pontefice - porta una storia di vita che ci parla di drammmi, di guerre, di conflitti, spesso legati alle politiche internazionali. Ma ognuno di voi porta soprattutto una ricchezza umana e religiosa, una ricchezza da accogliere, non da temere. Molti di voi siete musulmani, di altre religioni, venite da vari paesi, da situazioni diverse''. Poi, secondo quanto riferito da uno dei partecipanti, il Pontefice ha lanciato la sua proposta: "A cosa servono i conventi chiusi? Dovrebbero servire per la carne di Cristo e i rifugiati sono la carne di Cristo".

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pierfabro

    11 Settembre 2013 - 19:07

    aprire i conventi chiusi ai clandestini che sono la carne di cristo........... non credo che il papa conosca bene il clero, almeno quello italiano. l'ipotesi + interessante é che i conventi il papa voglia affittarli allo stato italiano per l'accoglienza facendo cosi business........ ma se cosi non é ed il papa vuole alloggiare e cibare i clandestini, forse sarebbe il caso che desse loro anche la carta telefonica, le sigherette e il soldo ( 30 euro giornalieri a clandestino) in modo che lo stato italiano possa aiutare i pensionati da cinquecento euro al mese che purtroppo sono + di 30000(trentamila)!!!!

    Report

    Rispondi

  • marari

    10 Settembre 2013 - 21:09

    Ma non era già troppo avere la Kienge?

    Report

    Rispondi

  • esasperata49

    10 Settembre 2013 - 20:08

    potrebbe essere una idea, ma perchè non pensare anche a tutte le persone (magari Italiane) che non hanno più casa e lavoro. Poi che pagherà la manutenzione il mantenimento di questi "poveri clandestini". La chiesa spero !

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    10 Settembre 2013 - 19:07

    non ha bisogno di scorta, la sua scorta è la Fede, l'Amore, Dio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog