Cerca

Serrata

Ilva, a Taranto si blocca la produzione.
I Riva: "Il sequestro ci mette in ginocchio"

Il gip di Taranto sequestra i beni della famiglia Riva, bloccati anche i movimenti bancari. L'azienda: "In ginocchio, costretti a fermare la produzione"

Lo stabilimento dell'Ilva

Lo stabilimento dell'Ilva

A Tranto si blocca tutto per colpa dei giudici. Il gruppo Riva ferma tutte le attività produttive di Riva Acciaio."Il provvedimento - afferma una nota - si è reso necessario poiché il sequestro preventivo, ordinato dalla Magistratura di Taranto e notificato a Riva Acciaio lo scorso 9 settembre "sottrae all'Azienda ogni disponibilità degli impianti - che occupano oggi circa 1.400 addetti - e determina il blocco delle attività bancarie, impedendo pertanto la normale prosecuzione operativa della societa". Col sequestro predisposto dai giudici che indagano sui danni ambientali causati dall'Ilva, di fatto migliaia di lavoratori restano per il momento senza lavoro. Una nota dell'azienda specifica ancora di più il dramma sociale e lavorativo che sta per abbattersi sugli operai dell'Ilva.

"Colpa dei giudici" -   La decisione, comunicata al custode dei beni cautelari, Mario Tagarelli, e illustrata alle Rappresentanze Sindacali dei diversi stabilimenti coinvolti, "si è resa purtroppo necessaria poiché il provvedimento di sequestro preventivo penale del Gip di Taranto, datato 22 maggio e 17 luglio 2013 e comunicato il 9 settembre - in base al quale vengono sottratti a Riva Acciaio i cespiti aziendali, tra cui gli stabilimenti produttivi, e vengono sequestrati i saldi attivi di conto corrente e si attua di conseguenza il blocco delle attivita' bancarie, impedendo il normale ciclo di pagamenti aziendali - fa si' che non esistano più le condizioni operative ed economiche per la prosecuzione della normale attivita'". (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gioch

    01 Maggio 2014 - 11:11

    Non ho ancora avuto una rispostab ad un quesito che pongo fin dall'inizio della vicenda(forse per mia distarazione).L'ex Prefetto Ferrante,Presidente ILVA(PER MERITI PRODIANI-IN QUANTO TROMBATO A MILANO col centrosinistra)è o non è sotto inchiesta.Se sì,perchè è stato messo nella Commissione d'inchiesta sull'ILVA stessa? Credo sia stato Presidente ILVA per cinque anni e,porca miseria,visto nulla.

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    14 Settembre 2013 - 12:12

    prova a leggerti"il racconto delluomo" di toynbee! l'inquinamento non è nato con la civiltà industriale! l'inquinamento è nato quando l'uomo ha cominciato a modificare la natura per i suoi scopi,diventando prima pastore/allevatore e poi agricoltore!la rivoluzione industriale,ha solo sostituito l'inquinamento biologico con quello chimico!le stazioni scientifiche al polo sud,eseguono "carotaggi"di ghiaccio vecchio di millenni,per avere notizie sul clima a quei tempi.ebbene,sono state trovate negli stessi tracce di piombo in epoca romana;visto l'abnorme uso che i predetti facevano di quel minerale!le deiezioni umane ed animali,in campagna degradano,ma sul lastricato delle città del passato ci mettono molto più tempo,e prova ad immaginarti la new york del 1800,in cui oltre ai ricordini dei tanti cavalli il comune doveva rimuovere dalle strade almeno 1500 carcasse degli stessi ogni anno!molti autori satirici romani parlano della coeva roma inquinata!

    Report

    Rispondi

  • maxdemax

    maxdemax

    13 Settembre 2013 - 17:05

    Landini (Fiom), governo avvii il commissariamento ''Il governo convochi un tavolo e avvii il commissariamento, al fine di garantire occupazione e continuità produttiva'' ALIAS - ce ne fotte di chi è l'azienda, noi la sequestriamo - ALIAS - l'ILVA - è di fatto FINITA. Possiamo racontarci le balle che vogliamo, l'ILVA è stata toccata dal VIRUS, ed è destinata alla morte. Verrà venduta fra un due anni ad un Indiano, volete scomettere, e sicome sarrà in uno stato pietoso, lo comprera per poco e niente e sposterà tutta la linea più remunerativa fuori dall'Italia. L'Italia è al suo declino industriale. E' finita.. tanto vale spostarsi in un altro stato basta guardare i dati statistici.. Vi faccio capire l'Italia, 20 anni fa parlavano del emergenza sud. Oggi se guardi alla televisione vedi ancora emergenza sud. NON CI SONO SPERANZE.. è finita. Aumentteranno le tasse per mantener qualche parvenza di stato ma senza introiti salta tutto. LE AZIENDE STANNO CHIUDENDO O MIGRANDO - via dall'Italia.

    Report

    Rispondi

  • maxdemax

    maxdemax

    13 Settembre 2013 - 17:05

    Landini (Fiom), governo avvii il commissariamento ''Il governo convochi un tavolo e avvii il commissariamento, al fine di garantire occupazione e continuità produttiva'' ALIAS - ce ne fotte di chi è l'azienda, noi la sequestriamo - ALIAS - l'ILVA - è di fatto FINITA. Possiamo racontarci le balle che vogliamo, l'ILVA è stata toccata dal VIRUS, ed è destinata alla morte. Verrà venduta fra un due anni ad un Indiano, volete scomettere, e sicome sarrà in uno stato pietoso, lo comprera per poco e niente e sposterà tutta la linea più remunerativa fuori dall'Italia. L'Italia è al suo declino industriale. E' finita.. tanto vale spostarsi in un altro stato basta guardare i dati statistici.. Vi faccio capire l'Italia, 20 anni fa parlavano del emergenza sud. Oggi se guardi alla televisione vedi ancora emergenza sud. NON CI SONO SPERANZE.. è finita. Aumentteranno le tasse per mantener qualche parvenza di stato ma senza introiti salta tutto. LE AZIENDE STANNO CHIUDENDO O MIGRANDO - via dall'Italia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog