Cerca

Editoria

Crisi, Mondadori chiede lo sconto
"I fornitori restituiscano il 5%"

La casa editrice di Segrate chiede ai partner di restituire parte del fatturato 2013. Poi avverte: "Faremo un'attenta selezione dei collaboratori"

Marina Berlusconi

Marina Berlusconi

La Mondadori, casa editrice della famiglia Berlusconi, deve puntellare il bilancio. Sopravvivere alla profonda crisi del settore dell’editoria (e al maxi-rimborso in favore di Carlo De Benedetti nel cosiddetto Lodo Mondadori) non è impresa semplice. Così Marina Berlusconi, presidente dell’azienda, ha messo a punto il suo piano: chiedere uno sconto del 5% a tutti quei fornitori che offrono consulenze per la realizzazione delle riviste. Con una lettera inviata alle aziende che lavorano con gruppo, Mondadori ha chiesto “un rebate alla fine di quest'anno, pari al 5% del fatturato che realizzerete col gruppo Mondadori nell'esercizio 2013”.

Crisi - Il sacrificio chiesto ai fornitori è l'antidoto per la difficile congiuntura economica, ma non solo: a Segrate si pensa sempre di più ad una riorganizzazione complessiva dell’azienda e nella stessa lettera fanno sapere che nei prossimi mesi ci sarà una “selezione rigorosa dei nostri partner”. Una prima indagine sulle eventuali adesioni, poi, verrà fatta dalla stessa casa editrice che eviterà, così, di scomodare ulteriormente i suoi partner. Tra sconto e riorganizzazione, insomma, Mondadori punta così a rimettere in ordine i bilanci dopo anni di investimenti audaci. 

"Irrituale" – La lettera di Mondadori porta in calce la firma di Ernesto Mauri, amministratore delegato a Segrete, che si rende conto “della irritualità di tale richiesta", ma si dichiara certo questa che potrà essere letta "in modo costruttivo". Come? Chiedere lo sconto ai fornitori, è la linea Mondadori, è l’atto meno doloroso con il quale si possa reagire a tutti i segni negativi del bilancio. Infatti, tra De Benedetti, prepensoniamenti e solidarietà, giornalisti e dipendenti che lavorano nelle riviste di casa non se la passano bene e per evitare che l’epidemia possa diffondersi è meglio colpire duro e subito. Con una promessa, però: nel giro di due anni Mondadori sarà "in grado di operare sul mercato con modalità sostanzialmente diverse rispetto a oggi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • libero42

    17 Settembre 2013 - 22:10

    Carina, la Marina! Una e personalissima bella tassa ai fornitori del 5%. O è una tangente? Ha imparato alla perfezione la lezione di Papi, ai tempi della Standa, quando pagava i fornitori a 180giorni invece dei 90giorni allora in : prendere O LASCIARE.

    Report

    Rispondi

  • avv.giuseppe

    17 Settembre 2013 - 19:07

    Ma tanto tutta quella Gente finirà presto male ( spero in galera ) . Già comincia il destino-declino per De Benedetti e via via così sarà per tutti gli altri al moccolo . Ma la Fininvest andrà avanti comunque e si rifarà alla Grande . Peccato quei soldi sprecati e andati su mani sbagliate .

    Report

    Rispondi

  • jborroni

    17 Settembre 2013 - 19:07

    vieni da me che ti trovo io un posto di lavoro

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    15 Settembre 2013 - 14:02

    caro destroso, io non sono per l'odio e il male, e infatti sono antiberlusconiano, non appoggio quel delinquente che ha sempre cercato, riuscendoci, di alzare lo scontro politico e metterla in caciara per i suoi personalissimi problemi, altro che partito dell'amore! a pagamento! e guarda che anche i fornitori della Mondadori hanno figli e devono portare la pagnotta a casa, o quelli non sono degni di vivere in maniera quantomeno dignitosa? la Mondadori ha dei problemi? non li faccia pagare a chi lavora con loro e spenda parte dei soldi, quelli leciti, guadagnati negli anni! che il delinquente metta mano alle sue tasche, e non solo per corrompere giudici, pagare puttane minorenni ecc ecc. e lascia stare i genitori altrui e pensa come hanno educato bene te. come no!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog