Cerca

Parabuckling

Costa Concordia, confermata la rotazione: trombe marine all'orizzonte

L'operazione scatterà lunedì. Si temono difficoltà per le condizioni meteo

Costa Concordia, confermata la rotazione: trombe marine all'orizzonte

L’operazione per riportare la Costa Concordia in assetto verticale inizierà domani, lunedì 16 settembre. La Protezione civile ha dato il via libera, ma l'operazione è messa a repentaglio dalle condizioni meteo e dalle trombe d'aria avvistate al largo dell'isola del Giglio. L'operazione si chiama parabuckling - letteralmente, ribaltamento del relitto - e dovrebbe durare tra le 12 e le 24 ore, ma a causa delle complicazioni potrebbe protrarsi per giorni: ogni movimento dovrà essere molto delicato e soggetto a costante controllo. E' infatti necessario compensare al meglio le forze per far ruotare il relitto senza deformare lo scafo.

Il piano - L'operazione verrà condotta dal consorzio italo-americano formato da Titan Salvage e Micoperi, le imprese scelte da Costa Crociere. Le società, su un sito creato ad hoc, sottolineano che la rotazione avverrà grazie a martinetti idraulici (gli strand jacks) che metteranno in tensione cavi di acciaio fissati alla sommità dei nove cassoni centrali e alle piattaforme sulle quali andrà ad appoggiare il relitto dopo il suo raddrizzamento. La Concordia poggerà su un falso fondale creato per riempire il vuoto tra i due speroni di roccia, uno a poppa e uno a prua, che attualmente sostengono la nave. Il falso fondale è stato realizzato posizionando dei sacchi riempiti con una particolare malta cementizia.

Il ribaltamento - I sacchi sono dotati di occhielli in modo da poter essere recuperati e rimossi durante la fase di bonifica a lavori ultimati. Sui sacchi sono inoltre state posizione sei piattaforme, tre di grandi dimensioni e tre più piccole. Per inserire i piloni nel fondale di granito è stata necessaria una trivellazione dal diametro di due metri, il cui sistema a circuito chiuso ha evitato di disperdere i detriti in mare. Quando la nave avrà recuperato l'assetto verticale, la Concordia poggerà sul falso fondale a 30 metri di profondità: allora si passerà alla fase successiva, ossia l'installazione sul lato di dritta - quello attualmente sommerso - di quindici cassoni di galleggiamento, uguali a quelli già saldati sul lato sinistro del relitto. Infine con un sistema pneumatico i cassoni sui due lati verranno progressivamente svuotati dall'acqua e forniranno la spinta necessaria a far rigalleggiare la Concordia. A operazione conclusa, la parte che resterà sommersa sarà di circa 18 metri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    16 Settembre 2013 - 10:10

    Ehm, dx, le trombe che dice lei sono le trombe di Eustachio. Le altre che (non) ha citato sono le tube di Fallopio. Mi ha fatto sorridere. Cordiali saluti e grazie per la sua simpatia

    Report

    Rispondi

  • dx

    15 Settembre 2013 - 17:05

    non è che temete le trombe di falloppio?... portatela via sto rottame schettiano...

    Report

    Rispondi

blog