Cerca

Il Ciclone Grillo in Senato:

"Qui pregiudicati e zocc..."

Il Ciclone Grillo in Senato:

Audizione-show di Beppe Grillo in commissione Affari costituzionali del Senato. Oggetto dell’evento, la proposta di legge di iniziativa popolare per il «Parlamento pulito», ossia senza condannati, con il limite massimo di due legislature e elezione “nominale” del candidato. Beppe Grillo legge un testo dai toni  accesi in cui prende di mira un «Parlamento di nominati, in cui sono stati scelti amici, avvocati e qualche zocc...». Senza contare «lo scandalo che siano presenti in Parlamento 20 condannati in via definitiva». Poi rivolge un invito ai senatori: «Siete vecchi e antistorici. Siete illegali, anticostituzionali e antidemocratici. Dimettetevi».  «I cittadini - ha aggiunto - si stanno svegliando» come dimostra l’elezione di  Luigi de Magistris e Sonia Alfano. Dura replica del presidente di Palazzo Madama Renato Schifani: «Respingo gli insulti e le offese volgari». La senatrice leghista Irene Aderenti ha annunciato di voler querelare Grillo per diffamazione. E come lei anche le senatrici di tutti gli altri gruppi parlamentari, offese dalle dichiarazioni del comico.

«Altro che zoccole... quereliamo per diffamazione Beppe Grillo», ha dichiarato la Aderenti, a nome anche delle colleghe di Palazzo Madama: «Il signor Beppe Grillo - ha scandito in Aula l’esponente del Carroccio - non si può permettere di delegittimare gratuitamente la rappresentanza femminile al Senato, non può ergersi a giudice parziale contro tutte a prescindere colpevolizzando a tappeto i membri del Senato come se lui fosse l’unico santino puro e casto». Per queste ragioni la senatrice Aderenti ha annunciato che tutte le colleghe senatrici si sentono «profondamente lese nella persona e nel ruolo che ricopriamo, donne di maggioranza e donne di opposizione, lo ricopriamo con serietà e dedizione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    15 Giugno 2009 - 09:09

    ma dai, non abbassarti a tanto: e' ovvio che avessi capito, ed e' ovvio che ti prendessi x cul. Figuriamoci se tu puoi essere favorevole all'idea di mandare in galera i parlamentari condannati, suvvia XD Tu li preferisci ministri

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    13 Giugno 2009 - 09:09

    Mi dispiace disilluderla,ma lei non ha capito il senso ironico del mio post,a conferma che a voi antib.vi manca proprio il senso dell'humour.Buone manette anche a lei.

    Report

    Rispondi

  • andy_mer

    12 Giugno 2009 - 08:08

    BRAVO GRILLO, anche l'esposizione è stata platealealmente eccessiva (ricordiamo tuttavia che Grillo è uomo di spettacolo) offrendo così il fianco a critiche (solo formali come si è visto e non sostanziali) ha sacrosante ragioni da vendere. Tra l'altro sarei lieto se qualcuno mi spiegasse perchè il discorso dei due mandati debba applicarsi solo per i sindaci. I casi sono due: o si tratta di un concetto giusto, e allora applichiamolo per tutti coloro che ricevono un mandato elettorale, opporure no, e allora perchè i sindaci debbono subire una tale limitazione ? Gli altri punti dovrebbero essere così ovvii per un paese che si professa civile che non meritano nemmeno di essere discussi. C'è solo da vergognarsi.

    Report

    Rispondi

  • antari

    11 Giugno 2009 - 09:09

    http://www.facebook.com/video/video.php?v=80214069077&ref=mf PS (x fonty) Grazie per l'appoggio. Anche io penso che i condannati debbano andare in galera e non in parlamento. Vedo che almeno su questo ci intendiamo :)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog