Cerca

Il Pontefice operaio

Il Papa ai disoccupati sardi:
"Senza lavoro manca la dignità"

Il Pontefice, davanti ai tanti disoccupati, parla a braccio e ricorda la sua infanzia da figlio di emigranti. Poi: so bene che la parola "coarggio" non basta

Il Papa ai disoccupati sardi:
"Senza lavoro manca la dignità"

Papa Francesco arriva in Sardegna, a Cagliari, nella città della Madonna di Bonaria, la patrona dei naviganti a cui si rivolgevano tutti i marinari sardi che nel 1536 battezzarono Buenos Aires, la sua città. La città in cui anche su padre approdò in cerca di fortuna durante la durissima crisi degli anni trenta. Il Papa, spiazza tutti, ancora. Lo fa subito quando, appena arrivato a Cagliari, dall’auto dà “il cinque” come un giocatore di basket americani ai fedeli che lo aspettano. Poi parla di lavoro. Davanti alla disperazione dei disoccupati, dei cassaintegrati, dei precari parla a braccio per dire quello che “sente nel cuore”  e mette da parte il discorso che aveva preparato (lo lascia al vescovo di Cagliari chiedendo a lui di renderlo noto). 

Il lavoro e le parole - Racconta la sua storia, Papa Bergoglio: “La mia famiglia, mio papà da giovane è andato in Argentina a farsi l'America, e ha sofferto la terribile crisi degli anni Trenta. Hanno perso tutto, non c'era lavoro. Io non ero ancora nato ma nella mia infanzia ho sentito parlare di questo, di questa sofferenza”. Il Papa sa bene che le parole, davanti alla mancanza di lavoro, servono ma da sole non bastano:  “Devo dirvi coraggio, ma sono anche cosciente che devo fare tutto del mio perché questa parola, coraggio, non sia una bella parola di passaggio, non sia soltanto un sorriso da impiegato cordiale, un impiegato della Chiesa che viene e vi dice coraggio, no, questo non lo voglio. Voglio che questo coraggio mi arrivi da dentro e mi spinga a fare di tutto come pastore, come uomo. Dobbiamo affrontare con solidarietà e intelligenza questa sfida storica”. Perché, dice il Papa, “senza lavoro manca la dignità. Lavoro, lavoro, lavoro. È una preghiera, la vostra: lavoro vuol dire dignità, portare il pane a casa. E noi dobbiamo dire no a questa cultura dello scarto. Dobbiamo dire: vogliamo un sistema giusto. Non vogliamo questo sistema economico”.  Poi la preghiera: “Signore Gesù cui non mancò il lavoro, dacci il lavoro e insegnaci a lottare per il lavoro, e benedici tutti noi”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GG Trix

    26 Settembre 2013 - 19:07

    Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: “Perché il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?”. Gesù li udì e disse: “Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate dunque e imparate che cosa significhi: ‘‘Misericordia io voglio e non sacrificio’’. Infatti non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori”. (Mt 9, 11-13) Amen!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    23 Settembre 2013 - 11:11

    Non voglio mancare di rispetto, ma se queste parole invece di andarle a dire a quei poveracci condannati alla disoccupazione, le fosse andate a dire in parlamento, forse sarebbe stato meglio.

    Report

    Rispondi

  • cunctator2

    23 Settembre 2013 - 10:10

    si può non condividere, ma non occorre insultare o estrapolare una frase per indurre a far pensare a un'atteggiamento negativo. Papa Bergoglio ha portato ai Cagliaritani e ai Sardi una parola di speranza e fratellanza e messo in evidenza con parole semplici e chiare quali sono le linee che la società civile e il mondo politico ed economico deve seguire per combattere povertà, ingiustizie e squilibri economici e sociali. Nei suoi interventi è apparsa evidente la sua sincera commozione di uomo buono e partecipe dei problemi della gente. Credo che tutti noi faremmo bene ad ascoltarlo, sostenerlo ed aiutarlo perchè da quest'uomo potrebbe nascere una vera rivoluzione culturale a beneficio del mondo intero.

    Report

    Rispondi

  • schifoipolitici

    23 Settembre 2013 - 10:10

    Si solo TU Papa Francesco! Tu che sei così diretto dici apertamente cosa pensi di questa classe politica! Da un segnale ai giovani, a quei giovani "impoltriniti" che non hanno più voglia di lottare ! Dì apertamente che stà classe politica è fatta di falsi, di cialtroni, di veline, di arrivisti, di papponi, di persone inutile e che non hanno niente a che vedere con Politica e d economia, l'unica economia che conoscono è quella degli altri!! Caro Papa incita gli italiani ! Non alla guerra o chissà chè ma al solo fatto che nessuno, dico nessuno debba andare più a votare!! Almeno per una volta, Grazie!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog