Cerca

Senti chi parla

Ikea attacca Barilla: "Tutti sono uguali".

Ikea attacca Barilla: "Tutti sono uguali".

Nel dibattito aperto dalle dichiarazioni di Guido Barilla, Ikea conferma la linea di  aperturà, emersa nel 2012 con le prime pubblicità italiane  gay-friendly (affissioni e tv). "Tutti devono essere rispettati" ha  ribadito il Corporate Pr Italia Valerio di Bussolo. Ma la multinazionale svedese inciampa ancora sulla parità uomo-donna nel mondo arabo. Infatti, dopo le polemiche suscitate dalla  cancellazione lo scorso anno delle foto di donne dal catalogo  distribuito in Arabia, l’azienda aveva chiesto scusa. Salvo,   quest’anno, ripetere la censura: nella sezione "camera da letto", infatti, le foto di donne addormentate (semplici ritratti di teste  appoggiate su cuscini) sono sostituite da immagini di uomini   brizzolati e barbuti.

 Il precedente  Lo scorso anno l’azienda aveva motivato la scomparsa delle  donne con un errore tecnico spiegando che le immagini erano   assolutamente accettabili per gli standard sauditi e che "lo sbaglio   è avvenuto durante il lavoro pre-presentazione della bozza di   catalogo di Ikea Arabia Saudita". Quest’anno tuttavia l’intervento si   è ripetuto, anche se - rispetto al passato - l’intero catalogo (anche  nella versione internazionale) è stato modificato, riducendo al minimo la presenza di persone.

La precisazione "Il catalogo Ikea distribuito in Arabia Saudita contiene le stesse immagini di donne presenti nel  catalogo distribuito in Italia fatto salvo le pagine 252 e 253  relative ai materassi dove le due immagini di donna vengono sostituite  da due immagini di uomo". E’ quanto precisa l’Ikea dopo la   segnalazione riguardo all’assenza di figure femminili in questa   sezione.   Ikea sottolinea come dall’analisi dei diversi cataloghi nazionali emerge la presenza in queste due pagine di "immagini   differenti: nel catalogo portoghese sono presenti un uomo e una donna, in quello greco due uomini, in quello lituano due uomini, in quello   svedese una sola donna".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    29 Settembre 2013 - 11:11

    Vedi...gli islamici che ti piacciono tanto prima impiccano i gay,le prostitute ecc,ma poi verranno a prendere anche tè che comunque,sei comunque un "infedele"...Quindi fossi in tè non mi sentirei affatto al sicuro !

    Report

    Rispondi

  • routier

    29 Settembre 2013 - 08:08

    "PECUNIA NON OLET" Poveracci! Avete perso un altro cliente.

    Report

    Rispondi

  • routier

    28 Settembre 2013 - 23:11

    Sarò sintetico: IKEA HAI PERSO UN CLIENTE. (e non credo di essere il solo)

    Report

    Rispondi

  • francoruggieri

    28 Settembre 2013 - 11:11

    I nostri, ma non solo nostri, "ben pensanti" del cavolo si sono scatenati contro Barilla, ma non dicono nulla del fatto che l'islam (sempre e comunque con la minuscola) condanna a morte quelli che a Roma si chiamano finocchi e che il linguaggio politicamente corretto chiama "omosessuali", per non dire "diversamente sessuali".

    Report

    Rispondi

blog