Cerca

Sotto le lenzuola

Italiani troppo rapidi: il 25% "dura" solo 2 minuti

Un'indagine di urologi e ginecologi lo dimostra: 108 rapporti sessuali all'anno, ma una donna su 5 è tremendamente insoddisfatta

sesso in macchina

sesso in macchina

In Italia si dura poco. La crisi di governo, in questo caso, non c'entra niente: il 25% dei rapporti sessuali dura due minuti e le donne non sono affatto contente. Sono ben 4 milioni le coppie che non riescono a godersi piaceri più lunghi di due minuti e, alla lunga, la rapidità stufa. E così succede che, se la metà delle donne pensa ad un altro uomo, una su cinque passa ai fatti e dopo poco più di un anno cerca la soddisfazione altrove sperando di essere più fortunata. A rivelare questi dati, c'è da specificare, non sono chiacchiere da bar, ma un'indagine condotta dalla Società Italiana di Urologia e dall'Associazione Ginecologi Ospedalieri Italiani. 
Passione - Insomma, sarebbe la rapidità una delle cause principali che portano le donne sulla via del tradimento. Gli uomini, magari stanchi, si lasciano accecare dal proprio tornaconto e magari non provano nemmeno a soddisfare la propria partner. Né sfruttando metodi "naturali" né rivolgendosi da un medico. Loro, i maschi, credono che per dimostrare tutta la loro passione basti presentarsi agli appuntamenti cruciali. La stessa indagine, infatti, sostiene che le coppie facciano sesso ben 108 volte in un anno - ad occhio, un giorno su tre. Purtroppo però, come spesso sono proprio le donne ad ammettere, in certi casi la quantità non basta: cruciale è lavorar di fino e raggiungere elevati standar di qualità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fullbank

    30 Settembre 2013 - 18:06

    questa indagine mi sembra di capire che è stata fatta con chi ha problemi di quel tipo , non penso che chi và dall'urologo e dal ginecologo và per dirgli che fà sesso regolatrmente ed è pienamente soddisfatto.....quanti erano a sottoporsi alle visite periodiche per prevenzione?

    Report

    Rispondi

blog