Cerca

L'intevista

L'intervista di Scalfari al Papa: "La Chiesa si apra alla modernità"

I problemi del presente riguardano giovani e anziani: "I primi disoccupati, gli altri abbandonati a se stessi"

Papa Francesco

Papa Francesco

Dopo la lettera inviata a Eugenio Scalfari, papa Francesco concede un'intervista al fondatore di Repubblica. Riportata integralmente sul quotidiano, il dialogo tocca diversi punti focali dello scenario sociale e politico attuale, e del ruolo che la Chiesa si propone di mantenere. "I più gravi dei mali che affliggono il mondo in questi anni sono la disoccupazione dei giovani e la solitudine in cui vengono lasciati i vecchi - risponde il pontefice a una delle prime domande di Scalfari - I vecchi hanno bisogno di cure e di compagnia; i giovani di lavoro e di speranza, ma non hanno né l’uno né l’altra, e il guaio è che non li cercano più. Sono stati schiacciati sul presente. Mi dica lei: si può vivere schiacciati sul presente? Senza memoria del passato e senza il desiderio di proiettarsi nel futuro costruendo un progetto, un avvenire, una famiglia? È possibile continuare così? Questo, secondo me, è il problema più urgente che la Chiesa ha di fronte a sé". 

La politica - Poi l'intervista apre alla politica. Scalfari si domanda come un malessere soprattutto di stampo politico, economico, che riguarda partiti, governi, sindacati, possa riguardare la religione: "Certo, lei ha ragione, ma riguarda anche la Chiesa, anzi soprattutto la Chiesa perché questa situazione non ferisce solo i corpi ma anche le anime. La Chiesa deve sentirsi responsabile sia delle anime sia dei corpi", risponde papa Francesco. "Non sono certo Francesco d'Assisi, non ho la sua forza e la sua santità". Risponde ancora Papa Bergoglio al giornalista, che gli chiede se dovrà seguire la strada del Poverello per una riforma della Chiesa. "Sono il vescovo di Roma e il Papa della cattolicità e ho deciso come prima cosa - spiega Francesco - di nominare un gruppo di 8 cardinali che siano il mio Consiglio, non cortigiani ma persone sagge ma animate dai miei stessi sentimenti. Questo e' l'inizio di quella Chiesa con un'organizzazione non soltanto veritcistica ma anche orizzontale. Quando il cardinale Martini ne parlava mettendo l'accento sui Concili e sui Sinodi, sapeva benissimo come fosse lunga e difficile la strada da percorrere in quella direzione. Con prudenza ma fermezza e tenacia".

L'anticlericale - Quando ho di fronte un clericale, divento anticlericale di botto", continua ancora il Papa, accendendosi. "Il clericalismo - spiega - non dovrebbe avere niente a che vedere con il cristianesimo. San Paolo che fu il primo a parlare ai gentili, ai pagani, ai credenti in altre religioni, fu il primo a insegnarcelo". L'intervista non risparmia sorprese e confessioni. "Prima dell'accettazione - rivela Bergoglio, parlando della fumata bianca - chiesi di potermi ritirare per qualche minuto nella stanza accanto a quella con il balcone sulla piazza, una grande ansia mi aveva invaso". Ma poi andò tutto liscio, e iniziò l'avventura del Papa alla guida della Chiesa. Che adesso deve aprirsi alla modernità: "Aprirsi alla modernità è un dovere". La Chiesa è consapevole dei probleimi del presente? "In larga misura quella consapevolezza c’è, ma non abbastanza. Io desidero che lo sia di più. Non è questo il solo problema che abbiamo di fronte ma è il più urgente e il più drammatico", conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Anna 17

    Anna 17

    02 Ottobre 2013 - 13:01

    Guardi lei può dire di fare quel che vuole, sono affari suoi che non sono in discussione, come pure stupidi e superficiali giudizi sul prossimo che non centrano nulla se non la sua estrinseca capacità d'essere volgare e voltare le frittate. Si discute su quel che sta facendo papa Francesco e non altro. Lei ha le sue convinzioni? Se le tenga e lei che si è preso stupidamente la briga di dileggiare il mio commento non il contrario. Se vuol insistere nella polemica, insista pure ma a me non interessano ne i suoi bassi e volgari commenti ne le persone come lei.

    Report

    Rispondi

  • elio_56it

    02 Ottobre 2013 - 12:12

    perso che lei sia una di quelle che si nascondono con la dialettica del c......si io amo i cani e faccio del volontariato per loro e per quei poveri cristi che non hanno la fortuna che ha lei di essere graziata dalla vita!!!. ma perso le lei ami la dialettica del non capire!!! io sono per francesco e per quella dialettica populista che forse per una dotta come lei e impensabile !!!e non metta il passato avanti al futuro francesco e il futuro e lei ed altri come lei sono il passato!!!!!p.d.m.

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    02 Ottobre 2013 - 08:08

    Per Logmain: ma che centra ama il prossimo tuo come te stesso?? Non credo proprio sia una frase comunista perché loro l’hanno sempre applicata al contrario. Penso che qualcuno non riesca a capire e/o comprendere. Mi spiace. Per ello-56it: penso che con il pene di un cane lei abbia molta dimestichezza e mi spiace francamente per lei. In ogni caso guardi ciò che dice e ciò che fa oggi, non ieri. Giovanni Paolo II° era un papa con la schiena dritta altri non sono cosi. A quello gli hanno sparato, a questo stia tranquillo non succederà. Spiacente se questa realtà non piace

    Report

    Rispondi

  • kobra1

    02 Ottobre 2013 - 08:08

    Una grande personalità, un grande carisma che sta riportando la chiesa verso il cristianesimo. Alcuni cambiamenti avvenuti nella politica internazionale e nazionale saranno riconosciuti dalla storia come un suo merito

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog