Cerca

Due partiti in Vaticano

Antonio Socci: "Vietato dire che Parolin è papabile"

6
Antonio Socci: "Vietato dire che Parolin è papabile"

Dietro l' irritazione del Vaticano per il mio articolo sui temi che oppongono Bergoglio e Parolin (anzitutto il dittatore Maduro), c' è il progetto del "partito curiale" che punta alla successione di Bergoglio proprio con il suo Segretario di Stato. Ecco perché il tema Parolin-Bergoglio è oggi un tabù indicibile. Ci tornerò.

Prima va detto che per il Papa la storia del despota rosso Maduro non è solo un disastroso scivolone che scredita un pontificato già sprofondato nel castrismo sudamericano. È pure l' evento che segna il naufragio dell' ideologia politica bergogliana. Con buona pace dell' improvvisata difesa d' ufficio di Luigi Bisignani, l' opposizione fra Bergoglio e Parolin qui è palese.
Maduro stesso ha ripetuto domenica che papa Bergoglio è buono e amico dei compagni, mentre il card. Parolin è cattivo e sta con i vescovi venezuelani. Il Wall Street Journal, il 7 agosto, è uscito con un editoriale chiaro: «Parla per il Venezuela, Papa Francesco». Sottotitolo: «Il primo pontefice latinoamericano è più duro verso Trump che verso il despota di Caracas». L' editorialista William McGurn ricorda le invettive di Bergoglio contro il presidente Usa e le paragona al suo silenzio «quando si tratta della brutalità del governo del Venezuela contro il suo popolo».

Mentre i vescovi del Venezuela pregano per «liberare la nostra patria dagli artigli del comunismo e del socialismo», Bergoglio tace. Com' è diverso il tono del papa - osserva il Wsj - quando si scaglia contro il presidente Trump, dicendo «che il signor Trump non è cristiano, avvertendo - nel giorno inaugurale del signor Trump - che il populismo può portare a Hitler o affermando che la nostra è un' economia che "uccide"».

A dire il vero, ironizza il Wsj, se si cerca «un esempio di populismo che porta al totalitarismo o di un' economia che uccide, è difficile battere il Venezuela ricco di petrolio e minerali, i cui cittadini sono stati ora ridotti a ravanare nei bidoni dei rifiuti mentre i loro capi si tengono su con la repressione. Per non parlare del colonialismo militare-socialista di Cuba».

Il Wsj riferisce l' insistenza dei vescovi venezuelani su Bergoglio perché la smetta di essere «morbido sul nostro despota». Ma il problema sta nella sua ideologia, quella della sinistra sudamericana. Samuel Gregg dell' Acton Institute nota che la tragedia del Venezuela spazza via tutto «il modo standard di Papa Francesco di spiegare i problemi politici ed economici contemporanei». Perché lì non può accusare l' Occidente, la speculazione finanziaria o i mercanti d' armi. Dovrebbe invece accusare il chavismo, frutto della sinistra sudamericana come il castrismo. Ma non vuole farlo.

Il Wsj ricorda che, prima di essere eletto papa, Bergoglio fu accusato di non aver criticato la dittatura militare argentina negli anni Settanta, quando era a capo dei gesuiti. «Oggi che i sacerdoti e i vescovi cattolici sfidano coraggiosamente il regime venezuelano», scrive il Wsj, «meriterebbero l' appoggio del papa sudamericano. E purtroppo non ce l' hanno». Con buona pace di Bisignani, ieri, anche uno dei massimi esperti di America latina, il professor Loris Zanatta, docente all' Università di Bologna, sul Foglio, ha confermato ciò che avevo scritto su queste colonne.

Zanatta ha ricordato i calorosi incontri (e le foto!) di Bergoglio con Maduro, usati dal dittatore a fini propagandistici: di fatto «il Papa rimane agganciato a Maduro» e «sul Venezuela balbetta». «Ma» scrive Zanatta «per fortuna c' è Pietro Parolin a cavare le castagne dal fuoco, contenere i danni, prendersi i fulmini: un diplomatico di grande scuola che il governo chavista coprì infatti di ingiurie al tempo in cui fu Nunzio in Venezuela contrapponendolo al Papa. A lui si deve il documento con cui la Santa Sede ha scaricato una buona volta Maduro», tuttavia «quel documento è una improvvisata toppa sotto la quale fa capolino una catena di sconfitte in cui il pontificato è incorso».

Nel naufragio del bergoglismo il ruolo Parolin cresce sempre più. Perfino il felpatissimo John Allen ora arriva a scrivere che Parolin sembra «il più potente Segretario di Stato vaticano forse dai tempi del cardinale Pacelli» e questa analogia «potrebbe suggerire che lo stesso Parolin abbia un futuro come candidato pontificio». Io, mesi fa, ho già scritto che proprio il papato per Parolin è l' obiettivo del "partito curiale" e il mio articolo fu ripreso dal Times. Pian piano arrivano tutti. Evidenziare questi giochi di potere irrita Oltretevere. Ma questa è la stampa, bellezza. Almeno quella vera.

di Antonio Socci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Antonio lapuzza

    12 Agosto 2017 - 12:12

    Il peggior papa che io ricordi.

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    12 Agosto 2017 - 10:10

    ...IL PASTORE "ERRANTE"...!!

    Report

    Rispondi

  • Skyler

    11 Agosto 2017 - 19:07

    Il prossimo papa si chiamerà Muammed e predicherà da un minareto costruito a fianco dell'ex cattedrale, ora moschea, in piazza san pietro.... e inviterà i fedeli a fare un pellegrinaggio a La Mecca almeno una volta nella vita.... Se si comporterà bene nella vita in premio avrà il Paradiso dove potrà trombarsi 77 vergini!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media