Cerca

Rivoluzione fisco

Befera: Troppe tasse sulle barche, ora si cambia

Il direttore dell'Agenzia delle entrate, dopo anni di battaglie anti-yacht, ammette: "Abbiamo sbagliato, le barche contribuiscono allo sviluppo del Paese"

Befera: Troppe tasse sulle barche, ora si cambia

Lezione di trasformismo ai massimi livelli, quella andata in scena al Salone nautico Internazionale di Genova. A impartirla ai presenti è stato il direttore dell'Agenzia delle Rntrate Attilio Befera. Il quale ha spiegato seriamente che "il passato c'era una mentalità vecchia e superata per cui la barca era indice di ricchezza, mentre oggi la barca è indice di produzione di ricchezza". Una capriola eccezionale, per uno che, alla guida del fisco italiano, ha per anni tenuto nel mirino le barche tanto da provocare la fuga dei natanti dai porti italiani verso quelli francesi, sloveni e croati. E il punto è, con ogni probabilità, proprio questo: a furia di dare addosso ai posessori di barche, all'agenzia delle entrate si sono svegliati un giorno scoprendo che da tassare era rimasto ben poco. Urgeva cambio di strategia.

Befera la butta in politica, spiegando che "c'è stato un cambiamento, anche politico nel modo di considerare la nautica come elemento di sviluppo per il Paese e non solo come elemento di prelievo. Il fisco è favorevole alla ricchezza perchè più si è ricchi piu' si presume che il gettito aumenti e che questo consenta un effetto di redistribuzione di quella ricchezza". Ma fa anche un pizzico di autocritica, ammettendo che "ci sono state colpe anche da parte del fisco", prima di annunciare che l'Agenzia delle Entrate sta lavorando per rimborsare ai diportisti possessori di imbarcazioni tra i 10 e i 20 metri gli importi non dovuti dopo l'entrata in vigore della modifica della tassa di possesso. In luglio, infatti, la tassa sul possesso e' stata abolita per le imbarcazioni sotto i 14 metri e dimezzata per quelle tra i 14 e i 20 metri, mantenendo gli sconti per la vela e la vetustà dell'imbarcazione. Se non è una vittoria di Briatore (che da tempo va accusando Stato e fisco di svuotare i porti italiani), poco ci manca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • direttoreemilio

    04 Ottobre 2013 - 16:04

    Allora gli hanno regalato pure a lui una barca, e il posteggio, a vita!

    Report

    Rispondi

  • libertyfighter

    04 Ottobre 2013 - 15:03

    Spera Befera per caso che i possessori di natanti siano così coglioni da credere a queste due puttanate e tornare in Italia? La corsica è bella, Slovenia e Croazia pure. Chissà se pensa che tali stupidaggini possano far tornare indietro anche le imprese. Avrà una brutta sorpresa

    Report

    Rispondi

  • seve

    04 Ottobre 2013 - 12:12

    e tutte le aziende che hai saccheggiato senza senso con accertamenti killers e che stanno morendo o che sono già morte? O che se hanno potuto si sono già spostate come le barche? Forse sei tu che devi essere spostato.

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    04 Ottobre 2013 - 11:11

    Dalle mie parte i suw e/o i 3000 di cilindrata te li tirano dietro!!!! la gente ha paura, immatricolazione e tzaccc che arrivano i falchi!!! ma non doveva essere che l'ag delle entrate doveva avere un volto amico!!! AAHAHAHAHAHAHAH pagliacci!! la francia, la slovenia, la croazia ridono... ma soprattutto fatturano!!! in italia si ha paura di fatturare, perchè?? semplice l'ag delle entrate legge i bilanci e come un avvoltoio affamato... arriva a succhiare le ossa!!... risultato + 30% d'evasione, e.... in giro con la panda usata! (così non mi vedono)!! --------- IMBECILLI!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog