Cerca

Svolta

Stupri di Firenze, la confessione del carabiniere: "il rapporto è stato consenziente"

12
Stupri di Firenze, la confessione del carabiniere: "il rapporto è stato consenziente"

Ha confessato uno dei due carabinieri coinvolti nei presunti stupri di Firenze. L'uomo, 45enne sposato e con figli, ha deciso di dare la sua versione in questura, davanti al magistrato: "È vero, ho avuto un rapporto con la ragazza americana, ma è stato un rapporto consenziente. Me lo ha chiesto lei di salire a casa". I rapporti si sono consumati nella notte fra il 6 e il 7 settembre a Firenze, e sono stati confermati dalle svariate tracce biologiche reperite a casa delle giovani.

Secondo le ricostruzioni dei fatti i due carabinieri sarebbero intervenuti, insieme ai colleghi di altre due pattuglie, per sedare dei disordini scoppiati fuori da una discoteca nei pressi di piazzale Michelangelo, dove si trovavano le due studentesse. Poco dopo i due militari le avrebbero riaccompagnate a casa, nel centro di Firenze, con l'auto di servizio. Nell'appartamento delle due, stando al racconto delle presunte vittime, si sarebbe consumata la violenza.

L’Arma dei carabinieri ha disposto un "provvedimento di sospensione precauzionale dall’impiego" nei confronti dei due militari indagati a Firenze per violenza sessuale nei confronti delle due studentesse americane. L’atto è già stato notificato ai due militari.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Nemesius

    10 Settembre 2017 - 17:05

    Sembra la contro-notizia ideale per disinnescare l’ondata di sdegno derivata dallo stupro di Rimini e cercare di tacitare e umiliare l’Italia che chiede ordine e giustizia. Infangare le istituzioni per imbavagliare il popolo. Per il resto, lasciamo che i giudizi li dia la magistratura.

    Report

    Rispondi

  • Renee59

    10 Settembre 2017 - 16:04

    Quelle due, sanno il fatto loro.

    Report

    Rispondi

  • BLACKMAGIC

    10 Settembre 2017 - 14:02

    La violenza è violenza. Fare sesso con una persona non capace di intendere e volere, perché ubriaca e drogata è evidentemente un abuso, orrido e bestiale. La ragazza non è conseziente perchè non ha la capacità legale di indendere e di volere, per legge.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media