Cerca

Il caso

Volterra, negato lo sconto-famiglia alla coppia gay

Il fatto viene confermato dal Comune. Poi le scuse del direttore: "Tornate, sarete miei ospiti"

Volterra, negato lo sconto-famiglia alla coppia gay

Una coppia gay con bambino può essere considerata una famiglia? Secondo un'impiegata del Museo Guarnacci di Volterra, assolutamente no. E quindi ha deciso di sua spontanea volontà, a quanto pare, di negare loro lo sconto per entrare al museo. Questo almeno è quanto ha riportato la coppia su Tripadvisor, e la notizia è stata ripresa da Repubblica. L'amministrazione comunale conferma il fatto, ma non si sbilancia: "E' ancora da chiarire".

L'accaduto - Quanto risulta dal racconto è che l'addetta alla biglietteria, non appena i due hanno provato a protestare per avere lo sconto, avrebbe iniziato a urlare. "Entrando nel museo - racconta la coppia gay - abbiamo letto i prezzi e gli sconti. Abituati all'idea di famiglia che vige a Chicago, essendo due adulti con un bambino, abbiamo chiesto un 'biglietto famiglia'. Ma la donna che stava dietro al banco della biglietteria si è arrabbiata con noi e ci ha urlato in italiano che una famiglia è formata da un padre e una madre, non da due uomini. Dopo di che lei ha girato la testa e si è interrotta la comunicazione". 

Le scuse - "L'accoglienza e l'ospitalità - ha affermato il sindaco Marco Buselli - sono da secoli tratti distintivi della nostra comunità. Il nostro regolamento non entra nel merito di questioni di genere, ma parla genericamente di bambini accompagnati da adulti, per cui non esiste la possibilità che qualcuno possa essere discriminato. Pertanto l'episodio, di cui peraltro non ci è pervenuta segnalazione ufficiale, qualora si sia verificato è esclusivamente da ricondurre ad un'interpretazione non richiesta da parte di un operatore". Fabrizio Burchianti, direttore del museo, si unisce alle scuse: "Se queste persone si sono sentite discriminate, le invito a venire a Volterra e a passare un po' di tempo con me visitando il museo. Ne sarei felice e sarebbe un modo di far vedere quanto Volterra è accogliente. Li ospito io e non pagherebbero il biglietto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    26 Ottobre 2013 - 16:04

    chiedere scusa per che cosa ? il testo dell'articolo è chiaro , imparate a leggere . adesso fra un poco avremo , non solo i musulmani ,ma anche i tre milioni di gay , i due milioni di finte donne , che pretenderanno di restare incinti . lo schifo di questa genia la capisce solo l'intelligenza , non la chiesa , o i sinistrati che in mancanza di idee riescono a chiamare famiglia due uomini o due donne che camminano manina nella manina e sbaciucchiandosi . mai accorti che fanno schifo ?

    Report

    Rispondi

  • spalella

    16 Ottobre 2013 - 18:06

    non compete ad un impiegato statale riconoscere le coppie gay come famiglia... lo stato becero, con un governo becero di chierichetti del vaticano, fanno finta di non capire e di non vedere ed il problema ricade sul misero impiegato statale che fà solo il suo lavoro in presenza di norme non giuste, non chiare, ed in assenza di qualsiasi tutelae culturale e legale.... che paese di merda, siamo ad immagine e somiglianza del bestiale vaticano.... e me ne vergogno proprio.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    07 Ottobre 2013 - 21:09

    Famiglia è la costituzione regolare di un uomo e una donna. Tutte le altre unioni non sono classificabili nella famiglia ma nella convivenza che è ben diversa

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    05 Ottobre 2013 - 12:12

    Ti ho capito sai,boicottatore della pasta Barilla.Perchè non fai outing?Io dichiaro le mie idee e i miei gusti pubblicamente.Poi fai come cavolo credi,non sei obbligato,però non puoi nasconderti sempre dietro un dito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog