Cerca

Scambio di favori

Denunciati 5 saggi di Letta
"Hanno truccato i concorsi"

Nel mirino della Procura di Bari 35 professori, tra loro anche quelli scelti da Napolitano per riscrivere la Costituzione

I dieci saggi da Napolitano

I dieci saggi da Napolitano

Sono nomi molto conosciuti nell'ambiente universitatio e da quando Letta li ha scelti come saggi sono ancora più noti. Ora sono accusati di aver truccato i concorsi universitari e di aver trafficato in cattedre. Lo scrive Repubblica in edicola oggi, sabato 5 ottobre. I prof coinvolti sono  Augusto Barbera, Lorenza Violini, B. Caravita di Toritto, Giuseppe De Vergottini e Carmela Salazar. I baroni sono stati denunciati a vario titolo al pm Barese Renato Nitti per associazione a delinquere, falso, truffa aggravata. In tutto, coinvolti nell'inchiesta sono trentacinque professori ordinari di questi cinque sono nei saggi scelti dal Letta per mettere a punto il progetto di riforma costituzionale. Nell'indagine coinvolto anche l'ex Garante per la privacy Francesco Pizzetti e l'ex ministro per le politiche europee Anna Maria Bernini. Intervistato da Repubblica De Vergottini s'indigna: "Non ho ricevuto né avvisi di garanzia, né avvisi di proroga delle indagini - spiega - E comunque, l’ultima commissione di cui ho fatto parte è del’99. Sono fuori ruolo dal 2009 e posso serenamente escludere di aver mai pilotato un concorso o aver avuto interesse recente in un mio allievo. Ritengo dunque probabile, che qualcuno abbia fatto il mio nome al telefono".

Le ipotesi di reato - Gli accertamenti non sono legati agli incarichi istituzionali dei docenti, ma riguardano la loro attività di commissari in concorsi da ricercatore e da professore associato e ordinario, banditi nel secondo semestre del 2008. Le ipotesi di reato a vario titolo sono associazione per delinquere, corruzione, abuso d'ufficio, falso e truffa. Nove gli Atenei coinvolti. Almeno una decina i concorsi universitari espletati tra il 2006 e il 2010 finiti sotto la lente  delle Fiamme Gialle. Gl investigatori sostengono che dietro alcuni concorsi per conquistare la cattedra universitaria ci siano "favori incrociati". 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    06 Ottobre 2013 - 17:05

    Sono previsti dalla legge per tutto il Pubblico Impiego ma nessuno li usa più. Ora è di moda la graduatoria. Si tratta di una sottomarca del ticket come quello che si prende dal salumiere, passi quando è il turno. Così funziona in sanità per assegnare il posto fisso e stipendio fisso di ben Euro 6000/mese al "medico della mutua". In 8 casi su 10 è un autentico somaro ma raccomandato di ferro. Si presta 1 o 2 ore al giorno per il resto del suo tempo fa altro ben remunerato e rigorosamente in nero. Ma il sig. LETTA evidentemente NON lo sa o finge di non sapere.

    Report

    Rispondi

  • cav.uff.

    06 Ottobre 2013 - 11:11

    se ha un minimo di dignità deve dimettersi !

    Report

    Rispondi

  • aifide

    06 Ottobre 2013 - 10:10

    non ne fa una giusta! Se ne vada, ci liberi dalla sua vetusta e fastidiosa presenza!

    Report

    Rispondi

  • ludvig53

    05 Ottobre 2013 - 20:08

    o dormi o fai danni ! ci hai messo in busta paga il mantenimento di 4 senatori inutili e ci hai propinato 5.......saggi?? disonesti. IL POPOLO ITALIANO TI HA NOMINATO ! SEI PREGATO DI LASCIARE LA CASA!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog