Cerca

Boia

Priebke, funerali ad Albano Laziale, niente sepoltura: "Sarà cremato"

Erich Priebke

Erich Priebke

Dopo quattro ore di picchettaggi, tumulti, manifestazioni e contromanifestazioni, i funerali di Erich Priebke sono saltati. Lo dice l'avvocato del capitano nazista responsabile della strage delle Fosse Ardeatine: "Non hanno permesso a persone che hanno conosciuto il mio assistito di partecipare. Neanche al figlio". La salma, in attesa di nuove disposizioni, passerà la notte nell'istituto della Fraternità San Pio X di Albano, provincia di Roma, mentre domani dovrebbe essere cremata presso il cimitero capitolino di Prima Porta

La giornata - Sembrava che le polemiche legate ai funerali del criminale nazista Erich Priebke fossero finite questa mattina, con la notizia che le esequie si sarebbero tenute oggi, 15 ottobre alle 17.30, ad Albano Laziale, cittadina alle porte di Roma. Per celebrare la funzione si era offerto don Pierpaolo Petrucci, superiore dei Lefebvriani, comunità cattolica a lungo considerata eretica dal Vaticano. Una cerimonia strettamente privata, aperta solo alle persone che negli ultimi anni sono state vicino al boia delle Fosse Ardeatine. Si era anche sparsa la notizia che il corpo dell'ex capitano delle SS sarebbe poi stato cremato a Roma, anche se il sindaco della Capitale Ignazio Marino si era affrettato a dire di "non saperne nulla". Nel primo pomeriggio, però, si è scatenata la baraonda. Il sindaco di Albano Laziale, Nicola Marini, che già prima si era detto "sconcertato" dalla decisione del prefetto di far svolgere le esequie di Priebke nel suo comune, ha firmato un'ordinanza per impedire il transito della salma sul territorio municipale. Questo quando già il feretro con il cadavere era partito dal policlinico Gemelli con destinazione Albano. Tempo pochi minuti e il prefetto Giuseppe Pecoraro firmava un'ordinanza che annullava quella del primo cittadino, mentre fuori dalla chiesa dei lefebvriani si radunavano esponenti dei movimenti anti-nazisti. Il sindaco schierava un manipolo di vigili urbani al confine di Albano, lungo la strada su cui dovrebbe arrivare il carro funebre. E un gruppo di simpatizzanti nazisti ha raggiunto Albano al grido di 'boia chi molla'.

Incidenti - L'arrivo del carro funebre da Roma è stato accompagnato da fortissime proteste. All'ingresso della cappella di San Pio X i partecipanti al sit-in anti-Priebke hanno preso a calci e pugni il mezzo che trasporta il feretro del capitano nazista. Le tensioni sono proseguite in serata, quando gli estremisti delle due opposte fazioni radunate fuori dalla chiesa sono venuti a contatto. Sono stati lanciati sassi e bottiglie e la polizia, in assessto anti-sommossa, è dovuta intervenire coi mezzi blindati per porre fine agli scontri. Due persone sono state fermate. 

 

 

 I manifestanti urlavano "boia" e "assassino", mentre nei disordini che hanno accompagnato l'arrivo del carro funebre una donna incinta ha avuto un malore. La tensione è ulteriormente cresciuta per l'arrivo al grido di "Boia chi molla" di un gruppo di neonazisti col volto coperto da caschi. Le forze dell'ordine si frappongono tra le due schiere di manifestanti per evitare scontri.

Funerali sospesi - Propio l'arrivo delle frange di estrema destra ha provocato la paralisi del funerale. Il prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro ha proibito a una delegazione di rappresentanti di un'organizzazione neonazista di partecipare alle esequie, decisione in seguito alla quale i padri lefevbriani hanno sospeso la cerimonia.

La cremazione - Secondo alcune fonti, il corpo del boia delle Fosse Ardeatine dovrebbe essere cremato al cimitero romano di Prima Porta. Ma il dato non è certo: stando ad altre indiscrezioni, la salma passerà la notte nel deposito di un'azienda di onoranze funebri capitolina, in attesa che domani le autorità decidano se cremarla o interrarla.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bombadil

    16 Ottobre 2013 - 17:05

    Diceva Giustiniano,la morte scioglie tutto.Ma vedere degli incivili prendere a calci e sputi una bara,ci fa intendere che viviamo in una lugubre società,ove prevale l'odio,la volgarità delle ideologie criminali...

    Report

    Rispondi

  • massimo1954

    16 Ottobre 2013 - 15:03

    Se,invece di fare contestazioni,il funerale fosse stato ignorato,ora forse,non ci ricorderemo più dell'annuncio dato venerdì 11 della sua morte e invece..è ancora su tutti i giornali !

    Report

    Rispondi

  • arwen

    16 Ottobre 2013 - 11:11

    Siamo sprofondati nel ridicolo....Vergognoso che nel 2013 in un paese che si dice civile si debba assistere a scene di una tale inciviltà e barbarie. Perchè non hanno impiccato il cadavere? Neanche nei paesi più arretrati avremmo potuto assistere ad uno spettacolo così surreale! Priebke era un mostro, è stato ricercato, arrestato, condannato. Punto. Tutto il resto è solo un incredibile atto di barbarie. Tanto ridicolo in quanto si è svolto in un paese dove, terroristi, mafiosi, stupratori e assassini vari, faticano a rimanere nelle patrie galere. Dove erano tutti questi buoni samaritani quando al mafioso Brusca, detto lo "scannacristiani", noto per aver sciolto un bambino nell'acido, veniva ridotta la pena in quanto professatosi pentito e gli venivano concesi addirittura permessi premio per visitare la famiglia in luoghi protetti, con i nostri soldi? Tutti a casa a farsi i fatti loro. Ridicoli orpelli di un paese decadente.

    Report

    Rispondi

  • barbanera

    16 Ottobre 2013 - 10:10

    i miei complimenti al popolo della sinistra italiana che, ancora una volta,ha dimostrato quanto è gagliardo.Non è da tutti avere il coraggio di combattere contro un morto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog