Cerca

pensiero unico

Ci rubano pure le fiabe:
la "Bella addormentata"
ora diventa lesbo

Nella piece di Emma Dante, per bimbi dai 7 anni, la protagonista sposa il principe donna. Protestano famiglie e Pdl. Gli autori: lezione di diversità

Ci rubano pure le fiabe:
la "Bella addormentata"
ora diventa lesbo

Presto ci dovremo aspettare un «Peter Pan» gay o una «Cenerentola» vestita da drag queen. Ma per il momento ci dobbiamo accontentare di una «Bella addormentata» in versione lesbo. Al teatro Testoni di Bologna, il prossimo 29 ottobre, andrà infatti in scena la pièce teatrale "La bella Rosaspina addormentata". Favola per bambini e adulti, in cui il classico personaggio delle favole cambierà il suo orientamento sessuale: anziché innamorarsi di un principe, al risveglio si innamorerà di una principessa. Lo spettacolo, diretto dalla nota regista Emma Dante - già presente al Festival del Cinema di Venezia con il film Via Castellana Bandiera - e inserito all’interno del Gender Bender, festival dedicato alle identità di genere e di inclinazione sessuale, ha già suscitato un vespaio di polemiche non tanto per il suo contenuto quanto per i suoi destinatari. 

 

 

Lo show sarà infatti destinato anche a un pubblico di bambini, a partire dall’età di 7 anni. "Un tentativo grottesco di strumentalizzare i più piccoli, usando dei soldi pubblici", lo ha definito la consigliera del Pdl Valentina Castaldini, ricordando come "il teatro Testoni usufruisce di un immobile in comodato gratuito e di una convenzione da 810mila euro in tre anni". Denari che, a detta della consigliera, dovrebbero servire "ad assicurare un’offerta aperta a tutti, bella, significativa e soprattutto educativa".  E non a proporre scene di amore saffico. O meglio, "pagliacciate diseducative per i minori", come le ha definite in tono caustico l’ex capogruppo Pdl in Comune Marco Lisei. Si difende invece dalle accuse la cooperativa La Baracca-Testoni Ragazzi, organizzatrice dell’evento: "La nostra volontà", spiegano i membri, "è di proporre spettacoli che sappiano affrontare tematiche sensibili. Si tratta di promuovere la tolleranza e la consapevolezza delle differenze, preferendo che i bambini si confrontino con la diversità, anziché ignorarla".

Ciò che colpisce, tuttavia, è proprio l’inserimento di argomenti così delicati in un contesto, come quello delle fiabe, dove l’amore è di solito scevro di connotazione sessuali e dove i ruoli, quelli di maschio e femmina, sono incardinati in figure tipo immutabili, quali appunto quelle del principe e della principessa. Portare temi di attualità nel mondo della finzione sembra dunque un tentativo di scardinare l’unico contesto, quello dell’immaginario infantile, non ancora coinvolto nelle derive del moderno. Ma tant’è. Già Dante, nel senso dell’Alighieri, aveva usato l’allegoria come fenomeno di denuncia e di espressione sociale...

Nel frattempo la stessa città di Bologna si candida a diventare punto di riferimento dei gay, aderendo alla risoluzione proposta da Pd e Idv in Regione, che impegna l’Emilia Romagna a offrire asilo politico "agli omosessuali discriminati e perseguitati dalla legge anti-gay voluta in Russia da Putin". Proprio nel capoluogo emiliano, d’altronde, non più di un paio di mesi fa, alcuni locali storici come il Cassero avevano deciso di boicottare la vodka, in segno di protesta contro la normativa del premier russo. La rossa Bologna si candida insomma a diventare una città dove, a essere discriminati, rischiano di essere solo gli eterosessuali. Anche quelli che amano le fiabe col lieto fine, modello "vecchio stampo". 

di Giovanni Torelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    21 Ottobre 2013 - 22:10

    nello squallore imposto dagli adulti? Avranno purtroppo tutta la vita per rendersi conto di alcune storture, comunque basta non entrare in quel teatro e portare i figli al mare. Sicuramente si divertiranno di più che vedere delle lesbiche.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    21 Ottobre 2013 - 21:09

    Aberranti ancora di più in quanto i soggetti hanno ancora la loro psiche molto debole,e si presta facilmente alle manipolazioni....E così al grido di "Frocio è bello"stanno traviando le giovani generazioni.Mi piacerebbe vedere in faccia quel personaggio che propone ed implementa tali idee...Per dargli due sberle.

    Report

    Rispondi

  • Fonzy

    21 Ottobre 2013 - 15:03

    anni fa, in tempi non sospetti di omofobia, Indro Montanelli in un 'controcorrente' scrisse che (cito le percentuali a memoria) il 15% di uomini era omosessuale, e un altro 30 % era bisessuale. Concludeva... se continua così i 'diversi' saremo noi maschi che andiamo con le donne ! io più modestamente del genio toscano, credo che la Terra degli esseri umani si stia trasformando nel... pianeta delle scimmie.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    21 Ottobre 2013 - 15:03

    Putin ha l'occhio lungo, si vede. È corso ai ripari per tempo: ha capito dove andavano a parare le rivendicazioni della "parità di diritti" degli omosessuali, e, zac, ha fatto una legge per proibire la propaganda omosex. Noi invece siamo più bravi, e adesso tentiamo di convincerci che le favole, i nostri vecchi, ce le avevano raccontate male.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog