Cerca

Tragedia

Donna incinta investita e uccisa
Morti il bimbo e un altro figlio

La donna colpita dalla vettura era al settimo mese di gravidanza, l'altro bimbo di 4 anni è stato trovato dopo un'ora

L'investitore ha subito chiamato i soccorsi, è sotto choc. Il bimbo di quattro anni è stato trovato dopo un'ora
Donna incinta investita e uccisa 
Morti il bimbo e un altro figlio

E' morta poco dopo l’arrivo al pronto soccorso del San Paolo di Milano. Una donna egiziana di 29 anni, investita intorno alle 19,15 in viale Famagosta è stata travolta da un'auto insieme a suo figlio. La vittima era incinta al settimo mese e i medici del 118 hanno fatto nascere con un cesareo d’urgenza il piccolo che però non ce l'ha fatta ed è morto in ospedale. Ed è qui che il marito della donna si era presentato, disperato, chiedendo notizie delle condizioni anche dell'altro figlio. A quel punto i soccorritori si sono resi che nell'incidente c'era un'altra vittima coinvolta e sul posto, infatti, è stato trovato il piccolo. Era già in condizioni gravissime ed è morto all'ospedale qualche ora dopo. Sembra che la donna stesse attraversando il viale, a più corsie, in un punto dove non ci sono strisce pedonali e dove le barriere di protezione sono aperte e tra le carreggiate si trova solo un’aiuola. Ad investire un 28enne alla guida di una Citroen Xsara Picasso che s’è fermato e ha tentato di soccorrere la vittima. In quel momento il fondo era particolarmente viscido e bagnato a causa della pioggia battente che rendeva difficile anche la visibilità. Per l'uomo scatterà l'accusa di omicidio colposo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gerrycat

    21 Ottobre 2013 - 17:05

    l'egiziana e colpa sua che ha a traversato la strada trafficata poteva stare attenta poteva creare incidenti! la colpa e della donna no del conducente!ecco chi paga si e fermato!

    Report

    Rispondi

  • ixior

    21 Ottobre 2013 - 14:02

    quello è viale Famagosta a milano. attraversarlo senza avvalersi delle strisce o del sottopassaggio della metropolitana è come giocare alla roulette russa con 5 colpi nel tamburo su 6. solo un pazzo forsennato (indipendentemente dalla nazionalità) attraverserebbe quel viale alla leggera. è più facile vincere un terno secco al lotto che attraversare indenni quella strada fuori dalle strisce pedonali debitamente munite di semaforo o usando il sottopassaggio della metropolitana. aggiungiamoci l'orario notturno e la pioggia e la non tragedia sarebbe stata un vero e proprio miracolo

    Report

    Rispondi

  • principedakkar

    21 Ottobre 2013 - 13:01

    Sottoscrivo al 100% quel che ha scritto ellemanga. Sei solo un povero servo del buonismo dei sinistri imbecilli.

    Report

    Rispondi

  • ellemanga

    21 Ottobre 2013 - 13:01

    I razzisti, al contrario, sono quelli che non hanno il coraggio di dire che una donna al settimo mese di gravidanza, e con un bambino di 4 anni e' un'incosciente, se attraversa la strada, al buio, con la pioggia, dove e' palesemente pericoloso farlo, incurante del sottopassaggio e delle strisce pedonali. Razzisti sono quelli che ipocritamente chiedono lutto nazionale e funerali di stato per le vittime di un naufragio e non per quelle di un altro naufragio. Razzisti sono quelli che vanno a trovare all'ospedale la vittima straniera di una violenza e non quella di un italiano, vittima dello stresso tipo di violenza da parte di uno straniero. Quelli sono i veri razzisti!!! P.S. La famiglia uccisa da Grillo (tre persone) era diversa da questa? In questo triste caso, si trovera' il sistema di dare la colpa alla strada? Io posso pregare per le vittime (soprattutto i bambini che non sono stati protetti dalla loro madre), ma non divento ipocrita per onorare il politically correct.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog