Cerca

Mughini

Al ristorante con la mia Bibi
Ora l'italia è più civile

Festeggiamo: via libera ai cani nei locali pubblici. E vedrete che sanno essere più educati degli umani

Al ristorante con la mia Bibi
Ora l'italia è più civile

C’è voluta la Seconda guerra mondiale perché da alcuni locali pubblici tedeschi e dai treni della metropolitana parigina (eccettuato l’ultimo) durante il governo di Vichy fossero tolti i cartelli con il «vietato agli ebrei». C’è voluta la crescita economica e civile dell’Italia dei Sessanta perché da molti locali pubblici di Torino sparissero i cartelli con il «vietato ai meridionali». Ci sono voluti dieci anni di ritardo dal resto dell’Europa perché nell’Italia dei nostri giorni gli esseri viventi a quattro zampe - i cani e le cagne che sette milioni di italiani custodiscono e amano allo spasimo - fossero finalmente ammessi in tutti i bar e luoghi di ristoro del Paese. Lo dice adesso il Ministero della Salute, che loro possono entrare ovunque. Beninteso, tenuti dal padrone al guinzaglio e muniti di museruola. E ci mancherebbe.

Divieti avvilenti - Figuriamoci se sono così cretino da paragonare l’impedimento opposto sino all’altro ieri ai nostri cani alla tragedia dell’antisemitismo europeo degli anni Trenta o all’antimeridionalismo cialtrone dell’Italia dei Sessanta. Epperò mettetevi per un attimo nei nostri panni di gente che adora il proprio cane e se ne fa completamente responsabile. Ovvio che io mi faccio responsabile di ogni gesto e di ogni atteggiamento della mia setterina inglese Bibi, ovvio che stando ai miei criteri uno che porta a passeggio il proprio cane sprovvisto delle bustarelle con cui raccogliere ogni volta la sua popò lo potrebbero anche arrestare. Subito. Detto questo, arrivare alla porta di entrata di un bar o di un ristorante o di un luogo di ristoro sull’autostrada e sentirsi dire «Il suo cane non può entrare!» è avvilente e offensivo. Mi è capitato ancora pochi giorni fa, a Macerata. Mi avevano invitato a fare una chiacchiera pubblica e alla fine della serata i miei ospiti erano stati così cortesi da volermi ospitare a cena in un ristorante del centro. Per tutta la durata della chiacchiera Bibi era stata appollaiata in grembo alla mia compagna senza mai dire ai né bai. Non è che abbia grandi interessi culturali, non sono sicuro che lei condivida i miei pensieri su questo o su quello: quel che è certo è che lei se ne sta buonissima nell’attesa che la chiacchiera finisca. Esattamente quello che fa nei tanti ristoranti in cui ce la portiamo appresso. Qualche sguardo disperato ai commensali a indurli a credere che lei non mangia da alcuni mesi, i suoi occhi che diventano immensi e supplicanti. Mai più di questo, mai, e del resto se lo facesse verrebbe annichilita dai rimproveri di un padrone (io) che la adora ma che è pienamente responsabile del suo retto comportamento. Ebbene innanzi alla porta del ristorante maceratese il veto è stato quanto di più categorico. «Il cane non può entrare». Ma guardi che è un cane buonissimo, ho provato a bisbigliare. Niente, il veto era totale e indiscutibile. E siccome sono un bonaccione e rarissimamente esprimo il disprezzo di cui sono capace, ho fatto retromarcia e sono uscito. Niente Bibi, niente cena, niente ristorante. Ho ringraziato gli amici maceratesi e sono rientrato in albergo. Bibi teneva la testa bassa ma non credo abbia capito fino in fondo, per lei è inconcepibile che ci sia qualcuno al mondo che non straveda per lei e non la sommerga di coccole. 

D’ora in poi non dovrebbe succedere più. L’alt a un cane alla porta di un bar o di un ristorante. Ovvio che c’è chi non ama i cani così come non ama i neri o le ragazze in minigonna o i ragazzoni con i jeans bucati. La loro privacy (e i loro pregiudizi) va rispettata ma non più che questo. No. A due o a quattro zampe siamo in tanti al mondo e c’è posto per tutti. I cani non sono peggio, anzi sono meglio del 75 per cento degli esseri umani. Vale la battuta di quell’albergatore cui un suo cliente aveva chiesto se potesse entrare in albergo con il suo cane. Ma certo che sì, rispose l’albergatore, aggiungendo che mai gli era capitato che un cane si fosse portato via l’asciugamani del bagno o gli avesse firmato un assegno scoperto. E dunque benvenuto ai cani. È vero che leggete talvolta di un cane di quella o quell’altra razza che addenta un bambino, ma che cosa non leggete ogni giorno di esseri umani che assassinano o sventrano altri esseri umani? Ogni giorno lo leggete, e ogni volta vi chiedete come sia potuto accadere.

In vacanza - Per tornare ai cani, era ai miei occhi insopportabile la retorica che metteva assieme la sonante raccomandazione del «Non abbandonate i cani!» e la miserevole realtà di un’Italia sulle cui spiagge o nei cui alberghi i cani sono inaccettabili. Quando io organizzo la mia (breve) vacanza estiva il mio primo comandamento è recarsi in un luogo dove Bibi possa venire anche lei e starsene comoda. Talvolta mi dicevano di sì perché sono conosciuto e riconosciuto. Alla fine del soggiorno (in un albergo o in un ristorante) mi supplicavano di riportare Bibi al più presto da quanto era stata deliziosa. Lei che ascoltava, regale e vanitosissima. D’ora in poi è legge.

di Giampiero Mughini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • max2013

    27 Ottobre 2013 - 09:09

    Leggo con dispiacere i commenti critici nei confronti dell'accesso dei cani nei locali pubblici. Io appartengo invece alla categoria di persone che ritiene un atto di civiltà la decisione del nostro governo (per altro presa in ritardo rispetto ad altri paesi europei da sempre più civili). Rimango invece disgustata quando vedo atteggiamenti di totale maleducazione condotti da essere umani in grado di ragionare e decidere meglio di qualsiasi animale. A titolo di esempio cito: mangiare a bocca aperta, pulirisi i denti con le dita, infilarsi le dita nel naso, maleodorare ecc. Quando assisto a questo tipo di comportamenti in un locale pubblico come dovrei comportarmi? Chiedere ai responsabili di allontanare queste persone? Grazie

    Report

    Rispondi

  • nico1947

    25 Ottobre 2013 - 09:09

    Dovè il rispetto per gli altri?Non amo gli animali,e non ritengo giusto,che trovandomi al ristorante mentre stò gustando un piatto di fettuccine un Bibi qualunche mi caga sulle scarpe.Oppure si faccia una montatina davanti a me mentre mi gusto un aperitivo al bar

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    25 Ottobre 2013 - 08:08

    Caro Mughini, qui non si tratta di cani educati o no. Vede, i cani, povere bestie, hanno tutti un'abitudine: quella di farsi il bidet con la lingua. Molte razze, poi, sbavano che è un piacere cosicché, quando scuotono la testa diffondono tutt'intorno a loro una pioggerellina di bava. Ho sempre provato molto schifo per quei " padroni" che, beatamente, si lasciano slinguazzare sulle mani ed a volte addirittura sul viso da quella stessa lingua con cui il loro cagnolino pochi minuti prima si è dedicato ad una accuratissima pulizia delle parti intime. Ebbene, la sua libertà di portarsi il cane al ristorante confligge con la mia libertà di non vedere nel luogo dove mangio, pagando profumatamente, un animale a 4 zampe che "educatamente" sniffa, sbava e slinguazza a destra e a manca col pericolo di essere raggiunto da uno schizzo di bava. Ecco, la questione è tutta qui. Deve prevalere la sua o la mia libertà?

    Report

    Rispondi

  • brutus

    24 Ottobre 2013 - 20:08

    E voglio un po' vedere chi mi impedirà di portarmela al ristorante o' in albergo. Voglio proprio vedere. Alcuni amici amano i cammelli e gli ippopotamini. Sono tanto carini. Il Mughini, poveretto é obbligato, non é lui che porta il cane, é il cane che porta lui.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog