Cerca

Vogliono comandare loro

Congresso Anm, i magistrati: "Berlusconi è un grave pericolo per la democrazia"

I magistrati al congresso Anm: "Il Cav un pericolo per la democrazia, l'amnistia un errore, la legge una porcata"

Congresso Anm, i magistrati: "Berlusconi è un grave pericolo per la democrazia"

"La rappresentazione della giustizia come funzione piegata a scopi politici, l'attacco scomposto alle sentenze, delle quali si impone il rispetto, e l'attribuzione alla magistratura di pregiudizi di carattere ideologico costituiscono non soltanto un oltraggio rivolto all'ordine giudiziario ma anche un grave pericolo per il sistema democratico". Sono le parole con cui il presidente dell'Anm Rodolfo Sabelli ha attaccato, senza farne il nome, Silvio Berlusconi. Ma al convegno delle toghe, il Cav non era l'unico obiettivo. Nel mirino anche Giorgio Napolitano per amnistia e indulto, oltre alla legge Bossi-Fini, che sarebbe "responsabile" per le stragi del mare.

No all'amnistia - Sabelli, al congresso dell'associazione dei magistrati, oltre a rivendicare l'autonomia del potere giudiziario, come detto, si lancia anche in un paio di incursioni nel campo del potere legislativo. L'amnistia e l'indulto sono "soluzioni effimere e provvisorie" se non sono accompagnate da "ampi rimedi strutturali". Dopo aver chiuso all'ipotesi avanzata più volte dal presidente Napolitano, il capo del sindacato dei magistrati si è comunque detto "consapevole della necessità di interventi urgenti che assicurino la civiltà del trattamento penitenziario e la finalità rieducativa della pena" e che l'adozione di provvedimenti di clemenza "spetterà al Parlamento". Poi Sabelli ha affondato il colpo sui provvedimenti adottati dai governi Berlusconi: "Si è approfittato delle necessità di riforma per piegarle a interessi di parte o a scopi di propaganda politica. Ne sono venute, negli anni, leggi ad personam" e riforme "incongrue e dannose".

Bossi-Fini criminogena - Sabelli schiera apertamente i magistrati contro la Bossi-Fini: è un "approccio inutilmente repressivo" quello che ispira "la legislazione penale in materia di immigrazione". Il capo dell'Anm arriva addirittura ad addossare alle leggi sull'immigrazione la responsabilità della tragedia di Lampedusa: "Tale approccio inutile e sbagliato ha offerto una tragica dimostrazione con le stragi consumatesi nelle scorse settimane nel mare di Scicli e di Lampedusa". Secondo Sabelli quindi per evitare naufragi, vittime ed annegamenti sarebbe utile o sufficiente cambiare "una demagogica retorica della sicurezza" e quindi bisognerebbe abrogare "il reato di ingresso illegale nel territorio dello Stato, reato palesemente inutile e dannoso".

Magistrati sotto attacco - Nella relazione del presidente dell'Anm si parla del clima avvelenato che "ha condizionato negativamente le iniziative di riforma legislativa". Secondo Sabelli la politica continua a proporre riforme a "scopo punitivo" contro i magistrati  e non riforme che mirino a migliorare la giustizia, gli attacchi punitivi sarebbero le proposte su "riduzione delle competenze del Csm, separazione delle carriere, eliminazione del principio di obbligatorietà dell’azione penale" e anche quella sull'introduzione della "responsabilità civile dei magistrati" 

Lavoriamo troppo - I magistrati ammettono che la giustizia non funziona, ma "la via delle riforme è ancora segnata da troppe timidezze, arresti, ripensamenti, errori: essa è dunque una via tuttora largamente incompiuta". Ovviamente le toghe si autoassolvono, non hanno alcuna responsabilità del cattivo funzionamento della giustizia, anzi ne sono vittime: "All'elevata laboriosità individuale dei magistrati continua a corrispondere, purtroppo, una scarsa efficienza del sistema". Un'autocritica e assunzione di responsabilità come non se ne vedevano da tempo...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spiders

    26 Ottobre 2013 - 22:10

    magistrati uguale nulla rubano stipendi esagerati per un lavoro meno nobile del netturbino

    Report

    Rispondi

  • allianz

    26 Ottobre 2013 - 18:06

    Adesso che hanno varato la legge sul reato di opinione avranno modo di tagliare subito le gambe a chi critica o ha intenzione di farlo proponendo una qualsiasi azione contro la casta o qualche cosa d'altro.Li saranno solerti nel loro lavoro,veloci ed indefessi..Con la prerogativa che il resto sarà lasciato immutato...

    Report

    Rispondi

  • Joachim

    26 Ottobre 2013 - 12:12

    Certo che fare certe affermazioni viene da ridere. Ma questa magistratura non è quella parificata allo Zimbabwue. Vi siete coperti di ridicolo avete fatto diventare la Magistratura la dittatura del faceto. Gli Italiani hanno capito che la lotta dei 20 anni è la vostra tomba....rinsavite.....e smettetela di porvi a Salomone della politica.....avete abusato nei confronti di Berlusconi nel modo peggiore usando anche metodologie da circo equestro.....ma chi credete di incantare....IL DATO E' TRATTO SIETE LA DISGRAZIA DELL'ITALIA.

    Report

    Rispondi

  • Andreau

    26 Ottobre 2013 - 11:11

    Per uno schiaffo ad un figlio forse scappato e sicuramente senza alcun dolo ( anzi il dolo, elemento costitutivo del reato , esite più come criterio di giudizio ) si prende un mese ;un altro per un articolo nemmeno offensivo ad un Magistrato paga soldi e poi prende tre anni per non averlo controllato. IL PROBLEMA E' CHE TANTA GENTE NON HA MAI PRESO UN CALCIO IN CULO DAL LORO PADRE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog