Cerca

Verso l'Immacolata

Le primarie Pd sono truccate:
le polemiche prima del voto
Renzi da vittima a carnefice

Il primo bilancio dei congressi locali vede più del 50% delle preferenze ai candidati che sostengono Cuperlo. Ma Matteo: "Questo voto non conta"

Gianni Cuperlo e Matteo Renzi

Gianni Cuperlo e Matteo Renzi

Nonostante lui minimizzi, lo scandalo delle tessere fantasma potrebbe rivelarsi un boomerang per Matteo Renzi. "Possono gonfiare tutto quello che vogliono", ha detto ieri il sindaco di Firenze, ostentando sicurezza, "ma l'elezione del segretario del Pd dipende dalle primarie", ha detto. "il segretario del Pd non lo eleggono i tesserati più o meno gonfiati, ma il cittadino che senza nessun obbligo, l'8 dicembre va a votare nei gazebo". Di certo c'è che lo sfidante Gianni Cuperlo, nei circoli dove si è già votato, non sta andando affatto male. Anzi. Metà dei congressi territoriali hanno scelto segretari vicini al deputato del Pd confermandosi le previsioni della vigilia: Cuperlo va forte nei circoli dove votano gli iscritti, Renzi vola nei sondaggi per le primarie, aperte a tutti, dell'8 dicembre. Ma ci sarà un momento nel 'cronoprogramma' del congresso in cui il gap, assegnato dai sondaggisti tra i consensi al sindaco di Firenze e quelli a Cuperlo, potrebbe ridursi. 

Dal 6 al 17 novembre, infatti, tutti gli iscritti del Pd potranno votare per il segretario. Il risultato darà le proporzioni dei componenti della convezione nazionale del Pd e quindi selezionerà i tre migliori (tra i 4 candidati, in questo caso) che accederanno alla fase finale del congresso con le primarie dell'Immacolata. "Loro -dice un sostenitore di Renzi riferendosi all'area Cuperlo- lì cercheranno la prova di forza". Del resto, l'andamento del voto sul territorio sembra confermare i timori renziani. "E' possibile stilare un primo bilancio dei congressi in svolgimento in tutta Italia: dai dati aggregati in nostro possesso 136 mila persone hanno già dato il loro voto e, tra questi, più del 50% ha espresso la propria fiducia a candidati che sostengono Gianni Cuperlo", fanno sapere dal comitato. 

Renzi non si scompone: il segretario, continua a ripetere come un mantra, si elegge con le primarie e "lì, ai gazebo, votano i cittadini". Eppure, da quanto accaduto domenica scorsa a Trastevere, anche la voce dei circoli sembra interessare il sindaco di Firenze se è vero che il renziano Tobia Zevi avrebbe sostituito nottetempo la lista del circolo capitolino con una propria e come si è ripetuto al circolo dei lavoratori Costral.  Ieri sera, invece, due iscritti del circolo di Vigne Nuove, a Roma, tra cui il presidente del consiglio del III Municipio, hanno dovuto ricorrere alle cure sanitarie dopo un acceso battibecco di carattere politico, "figlio di vecchie acredini", come dice il coordinatore, Massimo Nardini. Intanto, quando più della metà dei circoli ha già espresso il proprio voto, si fa sempre più concreta la possibilità di un ballottaggio all'Assemblea del 9 novembre. L'ex assessore regionale, e già deputato e senatore, Lionello Cosentino, è in testa con il 41% delle preferenze, seguito dal giovane turco Tommaso Giuntella, al 36%, e dal renziano Tobia Zevi, che si attesta intorno al 16%. Il restante 7% va a Lucia Zabatta, dell'area di Giuseppe Civati, tra le prime a denunciare l'inusuale boom di tessere che fa discutere a Roma, come in tutta Italia.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    31 Ottobre 2013 - 19:07

    Piu' trucco di quello non c'è. El paron sono mi, le palanche sono mie

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    30 Ottobre 2013 - 17:05

    Quando Renzi si proclamava rottamatore!! e Magicamante ha perso le primarie contro Gargamella bersani l'ubriacone da osteria... avevamo già capito tutti!! forse chi non ha voluto capirlo sono solo quei coglioni che hanno buttato via due euro e un sacco di tempo per esprimere il loro inutile consenso!!!

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    30 Ottobre 2013 - 14:02

    Le primarie del PD sono state SEMPRE truccate.Solo Brunetto Osti ( poveraccio) crede che sono limpide e trasparenti.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    30 Ottobre 2013 - 12:12

    .... ma le regole PD per le iscirizioni sono fasulle, e quelle per esercitare il diritto di voto danno agio a chi ha acquistato la tessera il giorno di prima di votare il giorno dopo.... ovvio che queste regole sbagliate sono volute, ma è anche ovvio che se Renzi, che ha i consensi della maggioranza della gente, non venisse eletto, per il PD sarebbe peggio, elettoralmente, che fare un favore a berlusconi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog