Cerca

Nel mirino

Ilva, Vendola indagato per disastro ambientale

Taranto, tra le 53 informazioni di garanzia anche quella che riguarda il governatore: s'indaga su presunte pressioni sul dg di Arpa Puglia

Nichi Vendola

Nichi Vendola

Un indagato celebre, molto celebre in Puglia. Il governatore: Nichi Vendola nel mirino della procura. L'accusa per cui si indaga è quella di disastro ambientale a carico dell'Ilva. Secondo quanto indicato negli atti dell'accusa, nei mesi scorsi Nichi avrebbe tentato di "far fuori" il dg di Arpa Puglia, Giorgio Assennato, poiché figura sgradita all'azienda. Una domanda: Nichi, ora, si dimetterà?

Le intercettazioni - In totale le informazioni di garanzia e di conclusione delle indagini sono 53. Vendola è rimasto invischiato nell'indagine sul disastro ambientale contestato ai vertici della fabbrica dell'acciaio per le presunte pressioni su Assennato. Secondo gli investigatori, come detto, Nichi si sarebbe impuntato con il direttore dell'Arpa, indicando una linea morbida da seguire col colosso siderurgico, accusato di aver avvelenato Taranto. L'accusa si basa su alcune intercettazioni telefoniche.

I nomi - Nell'inchiesta risultano coinvolti anche il sindaco di Taranto, Ippazio Stefàno, il paralmentare di Sel Nicola Fratoianni (all'epoca assessore regionale), l'attuale assessore regionale all'Ambiente, Lorenzo Nicastro, il consigliere regionale del Pd, Donato Pentassuglia. Secondo le toghe, un ruolo di primissimo piano nel dramma della città lo avrebbe ricoperto Girolamo Archinà, ex responsabile dei rapporti istituzionali del gigante dell'acciaio: sarebbe stato l'eminenza grigia dei signori dell'acciaio, l'uomo nell'ombra che intessendo rapporti con politici e funzionari avrebbe assicurato all'Ilva la possibilità di continuare a produrre, a discatpito dell'ambiente.

Indagato eccellente - Vendola è il nome forte dell'indagine e si difende come può: "Non sono stato e mai sarò a busta paga di Emilio Riva" dice il governatore della Puglia in una conferenza stampa, aggiungendo che per questo può "chiedergli conto dell'inquinamento ambientale". "In solitudine - dice il leader di Sel - abbiamo tenuto la schiena dritta davanti ad interlocutore che è un duro protagonista di un certo capitalismo come Emilio Riva". "Mi sono battuto - ha sottolineato - contro la chiusura ed a favore della riqualificazione ambientale e non ho mai fatto un passo indietro su questa sfida fondamentale. Per questo - ha concluso - oggi davanti a un teorema accusatorio che è ragione di dolore per me, non intendo minimamente perdere quella serenità che mi deriva da aver operato con coscienza ed amore per la città di Taranto".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gioch

    01 Maggio 2014 - 11:11

    Perchè il Ptresidente dell'ILVA Ferrante(prodiano trombato a Milano) è stato nominato commissario nell'inchiesta sull'ILVA stessa? Secondo me fa paura.

    Report

    Rispondi

  • GIANCARLO1946

    02 Dicembre 2013 - 16:04

    e un eemerito ipocrita non si dimettera mai,tanto ci sono i suoi amici giudici che salvaguardano la sua poltrona.Anno atre figure più importanti da indagare,vedi il sg. B.

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    15 Novembre 2013 - 11:11

    sei una rarità, con quello che si legge, si sente tutti i giorni, i magistrati sani, che lavorano si contano sulle dita di una mano. auguri...

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    05 Novembre 2013 - 14:02

    quando ti sposerai col tuo compagno?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog