Cerca

L'omicidio di Mez

Delitto di Perugia: "Sul coltello tracce del dna della Knox"

L'arma del delitto torna al centro delle processo: isolate le tracce genetiche

Amanda Knox

Amanda Knox

Il nuovo processo d'appello sull'omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, uccisa a Perugia nella notte tra il 1 e il 2 novembre 2007, dovrà tener conto delle tracce genetiche, appartenenti ad Amanda Knox, rilevate sul coltello da cucina sequestrato a casa di Gabriele Sollecito, suo fidanzato all'epoca del delitto. L'accusa ritiene infatti che il coltello sia proprio l'arma usata per uccidere la studentessa inglese. E' quanto emerge dalla perizia eseguita dai carabinieri del Ris per disposizione della Corte d'Assise e depositata oggi, giovedì 31 ottobre, per il nuovo processo d'appello in corso nel capoluogo toscano. Le difese di Sollecito e Knox, unici due imputati nel delitto di Perugia, e che si sono sempre proclamati innocenti, erano riuscite a far assolvere i loro assistiti considerando inattendibili i risultati delle tracce genetiche in quanto la studentessa frequentava abitualmente l'abitazione di Sollecito. La sentenza è stata poi annullata dalla Cassazione, che ha disposto la celebrazione del nuovo processo di secondo grado.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • er sola

    06 Novembre 2013 - 16:04

    Siamo passati da buffoni di fronte al mondo per colpa di gente che non sa fare il proprio lavoro.

    Report

    Rispondi

  • piero1939

    01 Novembre 2013 - 12:12

    ma chi vi crede più. buffoni

    Report

    Rispondi

  • principedakkar

    31 Ottobre 2013 - 17:05

    E chissenefrega se adesso scoprono nuove tracce di sangue? Potevate fare meglio le perizie nel processo di 1° grado! Perché dobbiamo pagare miliardi di euro per rifare sempre nuovi processi, anche dopo molti anni? Negli USA e in GB se un imputato viene assolto una volta, non può più essere processato, e fanno bene, così si impegnano subito a trovare le prove! Solo in Italia si buttano i soldi per processi che durano magari 20 o 30 anni. Poi sfido che abbiamo un debito pubblico pazzesco! Imparate a lavorare bene, magistrati! Intanto Amanda vi fa marameo e fa bene. E voi cosa le fate, le mandate i marò a rapirla??? Troppo tardi, vi ha fregato!!

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    31 Ottobre 2013 - 17:05

    Domanda: ma se è stata assolta in primo grado con quali prove? quel coltello esisteva anche allora o si è materializzato in questo periodo? Personalmente metterei in carcere tutti quelli che hanno lavorato a questo caso totali falliti incompetenti. Che bella figura di merda che fanno al mondo sta gentaglia.

    Report

    Rispondi

blog