Cerca

L'allarme di Confcommercio

Con la Tari imprese tartassate
I rifiuti costano il 600% in più

I rincari più alti (680%) per le discoteche e gli ortofrutta: per un locale di 200 metri quadri si passa a pagare da 802,70 euro a 4.674,98 euro

Con la Tari imprese tartassate
I rifiuti costano il 600% in più

La batosta maggiore la prenderanno i negozi di ortofrutta e le discoteche. Ma né i bar, né i ristoranti, né le pasticcerie scamperanno alla mannaia della Tari. Secondo una stima della Confcommercio con il passaggio dalla Tarsu alla la nuova tariffa sull'immondizia imposto dalla legge di stabilità, nel 2014 l'incremento medio dei costi per il servizio urbano dei rifiuti sarà pari al 290% e, per alcune tipologie di impresa, arriverà addirittura al 680%. 

Tartassati - La maggiorazione sarà di circa sei volte per i ristoranti, le trattorie e le pizzerie (+482%): la spesa annua tutto compreso, calcolata per un'attività con una superficie media di 200 mq, passerà così da 802,70 euro a 4.674,98 euro. Il rincario maggiore sarà, come detto, di quasi otto volte per un negozio di ortofrutta (+650%) o una discoteca (+680%). Dall'analisi di Confcommercio emerge, in particolare, che per ortofrutta, pescherie, fiori e pizza al taglio (con superficie media di 100 mq) la spesa annua complessiva determinata dall'applicazione della Tari, dal prossimo primo gennaio, determinerà un passaggio da 401,35 euro a 3.008,40 euro. Per discoteche e night club (superficie media 200 mq) si passerà da 558,90 euro a 4.373,91 euro. Invece per bar, caffè e pasticceria l'incremento si attesterà al 314%; per supermercati, macellerie e generi alimentari al 188%; per alberghi senza ristorante al 118%; per campeggi, benzinai e impianti sportivi all'89%; per edicole, farmacie e tabacchi al 77%; per negozi di abbigliamento, calzature, librerie, cartolerie e ferramenta al 46%. 

Un peso insostenibile per le imprese - Si tratta, sottolinea Confcommercio, di "incrementi molto rilevanti e ingiustificati che derivano essenzialmente dall'adozione di criteri presuntivi e potenziali e non dalla reale quantità di rifiuti prodotta. Una pesante penalizzazione per il sistema delle imprese della distribuzione e dei servizi di mercato che impone la necessità di rivedere al più presto la struttura dell'attuale sistema di prelievo sulla base del principio 'chi inquina paga' e ridefinire con maggiore puntualità coefficienti e voci di costo distinguendo, in particolare, tra utenze domestiche e non domestiche e tenendo conto anche degli aspetti riguardanti la stagionalità delle attività economiche". Questa situazione, anche in considerazione della crisi economica, "sarebbe davvero insostenibile per le imprese e graverebbe, in generale, sull'intero sistema Paese con conseguenti effetti in termini di riduzione dei consumi". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • principedakkar

    03 Novembre 2013 - 09:09

    Egregio komunista imbecille, i cretini come te vorrebbero che un'impresa (spesso familiare, PMI) paghi il 100% di tasse, e poi pretendono anche che "stia sul mercato", quando in altri paesi si arriva al max al 30%. L'Italia ha la pressione fiscale più alta d'Europa, coi servizi pubblici peggiori, eppure a voi kompagnucci non basta, vorreste portarci via tutto con le tasse. Ma verrà il giorno in cui la pagherete, per le vostre RAPINE FISCALI!

    Report

    Rispondi

  • landsat7

    02 Novembre 2013 - 19:07

    Purtroppo il servizio di raccolta va pagato in modo puntuale. NON deve esistere che un ristorante o un supermercato riempiano i normali contenitori ad uso residenziale. Fra poco le maggiori città saranno attrezzate per un servizio di raccolta puntuale. E' finita l'epoca di far pagare ai soliti cittadini!!! Se le aziende non riescono a stare sul mercato assolvendo a tutte le tasse e gli obblighi di legge è giusto che chiudano.

    Report

    Rispondi

  • principedakkar

    02 Novembre 2013 - 18:06

    e non dei politici, possono essere così carogne, ottuse e sanguisughe da chiedere ad un fruttivendolo 3000 euro solo di tasse sui rifiuti, costringendolo a chiudere. Gli unici rifiuti, di cui dobbiamo liberarci al più presto, sono questi criminali che ci governano. Altro che governo, un bel plotone d'esecuzione, come in Cina, e far pagare le pallottole alle famiglie.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    01 Novembre 2013 - 21:09

    I forconI li hanno usati per mangiare gli spaghetti...Scordatelo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog